Blog: http://lapsus.ilcannocchiale.it

Second Life. A cosa potrebbe servire, oltre che per il puro business?

(dal Forum di Ricerca sull’Auto Reciproco Aiuto, Elearning & Self Help)

Mimir Springs SL

A me sembra ovvio, soprattutto dopo le esperienze delle ultime settimane, che un sistema di ‘mondi virtuali’ come Second Life possa ’servire’, eccome.

Penso alla facilità con cui scolaresche di un qualunque Paese (e paese, o città di questa Terra) possono ‘viaggiare’ e incontrarsi con altre scolaresche, scambiando parole in lingue diverse (adesso anche ‘a voce’) e oggetti vari ‘confezionati’ secondo il gusto e la tradizione di ciascuno.

O intere équipes mediche possono traferirsi a praticare un training in altri ospedali o strutture di ricerca (qui, nel campo biologico , chimico, medico, Internet e anche Second Life danno il meglio di sè, ovvero ciò che nel mondo reale sarebbe impossibile da realizzare e visualizzare).

Nel campo del disagio psichico e del cosiddetto ‘auto aiuto’, Second Life consente l’immediato confronto e incontro con gruppi che altrove operano in questo campo, magari anche dietro casa Wink

Second Life NON è ’solo’ un gioco, è quella benedetta ‘interazione’ di cui si parla dagli albori della rete, messa in pratica integrando sistemi di comunicazione diversi: niente impedisce di pensare che tra poco si potrà entrare in Second Life via web, col solito browser (Firefox, Opera, IE, Konqueror) senza dover scaricare altro, o che viceversa, una volta installato SL, da esso (e all’interno dei suoi mondi) si abbia immediato accesso al web.

EPPURE

il binomio Second Life (o altri, ad esso affini solo apparentemente, come There o Entropia o Active Worlds) è sempre più spesso, e univocamente associato, sui media di tutto il mondo, alla parola BUSINESS.

Il BUSINESS è diventato il termine di paragone di tutto, il criterio di VERITA’, la TAVOLA dei VALORI, il contrassegno della VALIDITA’ di qualunque cosa, e mentre ‘prima’ veniva posto in secondo piano, quasi vergognoso di apparire, oggi è sbattuto in faccia a chiunque si accosti ad un qualunque PROGETTO.

Ora, se è chiaro che tutti a questo mondo cerchiamo di ‘campare’, e di trarre ‘profitto’ da quel che facciamo, progettiamo, costruiamo, realizziamo… è anche chiaro che qualunque cosa, anche un SERVIZIO offerto in rete (ad esempio di ‘auto mutuo aiuto’ Wink ) si deve poter mantenere, e mantenere il SISTEMA DI SERVIZI che gli consente di ‘vivere’ (ad esempio il software, possibilmente Open Source, ed il KNOW HOW, di Second Life, o di Google).

Niente di strano che dunque a GUADAGNARE QUATTRINI (MONEY MONEY MONEY) siano in tanti, e che sia anche giusto che chi partecipa, come operatore di un servizio e o come utente, contribuisca con qualcosa di suo, e se è possibile guadagni qualcosa a sua volta, nel caso dell’auto reciproco aiuto qualcosa in più della semplice ‘pacca sulla spalla’, per di più ahimè solo virtuale. Ma, io resto convinto, da umano del ‘900, che la RICCHEZZA sia un BENE quando contribuisce al BENE di tutti, o almeno di MOLTI.Invece, questa OSSESSIONE PER IL PURO BUSINESS, finisce per nuocere, neanche tanto paradossalmente, innanzitutto al BUSINESS stesso!Non è strano che iniziative come quella di Google o di Second Life vengano date in CALO o in ASCESA come pure e semplici oscillazioni e speculazioni di BORSA.

Ma IL MESSAGGIO che insistentemente arriva su questi schermi è DESOLANTE, è il messaggio che TANTO FINISCE TUTTO LI’, OVVERO (FREUDIANAMENTE) IN MERDA.

Io credo che si debba insistere a GUARDARE OLTRE E ATTRAVERSO questo tipo di ossessioni affaristiche (che in Italia poi fanno tutt’uno con la ‘politica’).

E per questo invito chi legge qua a partecipare, a dire la sua, a scrivere le proprie esperienze ed i propri sogni.

Buona domenica a tutti!

  • Centro Mimir su Second Life (Menhirs, Les Gaulois)
    http://slurl.com/secondlife/les%20mehnirs/232/120
  • Centro Mimir su Second Life (Elearning & Self Help, Art Gallery)
    http://slurl.com/secondlife/Blackmount/24/240
  • Pubblicato il 22/7/2007 alle 16.23 nella rubrica Diario.

    Il Cannocchiale, il mondo visto dal web