Blog: http://lapsus.ilcannocchiale.it

Vergogna, Vergogna, Vergogna!

L'Onorevole Bertinotti non ha seguito il mio invito a dimettersi (va beh, io sono quasi invisibile, speravo che l'invito gli arrivasse da altri, numerosi, e che lo seguisse).

E' 'di sinistra', no? l'Onorevole Bertinotti, e dunque pensavo fosse interessato alle sorti della Sinistra nel prossimo secolo, non dico millennio.

E invece no, il PRC fa una manifestazione in piazza 'per sostenere Prodi'.

E intanto, i  'duri e puri' della (ex?) 'sinistra radicale' vanno a far la Spesa.

E mica si turano tanto il naso! Gli piace molto anche la gomma, quella del PONTE, che PRIMA era progetto demoniaco e palesemente MAFIOSO, adesso (miracolo!) è progetto buono e santo e comunista, compreso il suo promotore, e chi lo ispira.    Ma sì, un Ponte vale pure un DICO, o no?

Voto di scambio? Ma no! Si tratta di tanto, tanto, tanto, affetto.

E si sono sentiti pure rispondere che NO!

Ci avessero risparmiato, dopo la CADUTA, questo spettacolo indecente, si poteva almeno pensare che va beh, tornava al governo il centro destra, ma intanto si poteva resistere, i 200000 di Vicenza erano lì a dire che la sinistra è pur 'viva'. E anche dalla parte dei DS, va beh, avrebbero fatto il 'combino' per il Partito Democratico (Cristiano) ma insomma, una futura Sinistra, unita, avrebbe pur potuto provare a stabilire alleanze.

E invece no, Ci vogliono lasciare solo la vergogna, dall'una e dall'altra parte,

Mi scusi chi mi legge, ma ho lo stomaco sotto sopra, e non finirà presto.

19:05       Lombardo: "Non entreremo nella maggioranza"

"Abbiamo espresso al capo dello Stato la posizione del movimento per l'autonomia. Non entriamo in questo governo nè in questa maggioranza per dovere di lealtà verso gli elettori della cdl". Lo dice raffaele lombardo del movimento per l'autonomia, al termine dell'incontro con il capo dello stato. Lombardo però aggiunge che "il movimento apprezzerebbe da questo governo delle iniziative programmatiche che riguardino alcuni temi come la riforma dello stato, che punti sul federalismo, una riforma elettorale con la preferenza, iniziative legislative che affrontino il divario tra nord e sud del paese, la realizzazione del ponte sullo stretto, l'alta velocità e il risanamento ambientale". Per lombardo "una modificazione programmatica così importante ci costringerebbe a rivedere la nostra posizione e voteremmo questi provvedimenti. Ma siamo sicuri che non accadrà".

 18:52       Follini: "Non sono un kamikaze"

Ha sentito Prodi, Fini e D'Alema, ma non Berlusconi. Il più 'corteggiato' in questa crisi di governo è sicuramente Marco Follini, leader dell'Idm e ex leader dell'Udc, ma che con il partito di via Due Macelli condivide perfettamente la linea in questa situazione. "Io non sono un kamikaze - spiega ai suoi interlocutori - sono disponibile solo in presenza di un nuovo programma". Cioè, quella "fase nuova" auspicata da Casini, "perché a queste condizioni io non ci sto" e "non mi sembra che ci possano essere soluzioni possibili al momento né che qualcuno possa entrare in una maggioranza solo per alcuni mesi...".

 15:36       Mastella: "Dico vanno tolti da agenda politica"

"I Dico vanno tolti dall'agenda politica. Questo deve essere chiaro e mi sembra che sia stato capito. Vedrete cosa dichiarerò domani, dopo le consultazioni al Quirinale". Lo afferma il leader dell'Udeur, Clemente Mastella, conversando con i giornalisti sugli sviluppi della crisi di governo.

 14:43       Finocchiaro: "Con Prodi confermato benvenuti i singoli voti"

"Prima bisogna confermare la maggioranza del governo Prodi. Poi, ovviamente, ciascuno di noi si augura un allargamento del consenso intorno al nostro governo e alla nostra maggioranza". Lo dice il presidente dei senatori dell'ulivo, Anna Finocchiaro, al termine di una riunione del gruppo che si è svolta a Palazzo Madama. E aggiunge: "non mi pare che ci siano all'orizzonte le condizioni per l'adesione di interi gruppi parlamentari, ma saranno benvenuti i singoli che si riconosceranno nel governo".


http://www.repubblica.it

Ammesso e non concesso, prima o poi dovranno pure mostrare la faccia questi misteriosi e prezzolati sostenitori "fermissimi" del bisgoverno Prodi...

e forse verremo pure a sapere qual è stato il prezzo pagato.

Pubblicato il 22/2/2007 alle 20.49 nella rubrica Psicologia e Guerra.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web