Blog: http://lapsus.ilcannocchiale.it

Impero. E se destra e sinistra si scambiassero le parti?

Uno dei modi più recenti per reagire alla prepotenza imperiale è il nazionalismo. Ora, una delle cose che mi lascia piu' perplesso, pur nell'istintivo simpatizzare per disobbedienti, neo-anarchici e neo-comunisti, è il dubbio: in Europa, è Chirac, uomo di destra, insidiato da Le Pen, ad aver guidato l'Europa anti-guerra. Cosa succederebbe se in Germania, tra 2-3 anni, fosse un governo di destra a guidare un movimento anti-americano? E se in Italia, localismo leghista e neofascismo deluso dalle promesse forzitaliote facessero fronte comune contro tutto ciò che si oppone ad un'idea razziale, ultranazionalistica, anacronistica ma ugualmente temibile di Europa ?

 Certo, dopo l'11 Settembre 2001 gli Stati Uniti d'America appaiono meno come nazione guida di un'idea liberal della politica globale e mondiale. Certo, la vittoria elettorale di Bush ha portato al potere un gruppo dirigente americano che ha spostato l'asse del concetto di guerra dissuasiva verso quello di guerra preventiva. Certo in Israele la vittoria della destra di Sharon ha peggiorato i già difficili rapporti tra Europei e Israeliani, almeno 'a sinistra'.

Ma se un domani, 2-3 anni, un'Europa xenofoba e razzista, autoctona ed economicamente potente, dovesse cercare lo scontro con un 'Occidente' Inglese e Americano ritornati democratici e riconoscibilmente liberal... non è questo il vero spettro che dovremmo fronteggiare, se l'utopia antagonista dovesse oggi prevalere? Perchè a questo temibile processo finirebbe per contribuire, al di là dei buoni propositi, e dei sentimenti contrastanti e pur legittimi di questi giorni....

Pubblicato il 23/2/2003 alle 3.15 nella rubrica Altrove.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web