Blog: http://lapsus.ilcannocchiale.it

Vitalizio Kz. Tagliato.

Tagliato l'assegno sociale di 450 euro al mese ai 150 sopravvissuti
che già percepiscono il vitalizio
Si chiama vitalizio Kz. Quelle due lettere stanno per
Konzentrationslager, i campi di concentramento dove durante la
Seconda guerra mondiale furono deportati 42 mila italiani, 33 mila i
prigionieri politici, 8.900 gli ebrei. Quel vitalizio Kz, 500 euro
circa al mese, è il risarcimento che con una legge del 1980 gli ex
deportati sono riusciti a ottenere dallo Stato: «Provvidenze a favore
di superstiti o loro familiari deportati in campo di sterminio
nazisti». Sottoponendosi a pesanti odissee burocratiche, perché
dimostrare che si è stati in luoghi come Auschwitz, Birkenau, Dachau,
trovare i documenti della Croce rossa o due testimoni viventi che
sono stati nello stesso lager non è stato facile.

E adesso lo stesso Stato che per mano del ministero del Tesoro
risarcisce con l'indennizzo ha deciso di togliere con l'altra,
attraverso l'Inps: equiparando il vitalizio a una pensione di guerra,
e quindi a un reddito, non eroga più la pensione sociale a chi lo
percepisce. «È moralmente molto grave che si trasformi il
risarcimento in un reddito, significa annullarlo» accusa Aldo Pavia,
presidente dell'Associazione nazionale ex deportati...

di Antonella Piperno su
http://www.panorama.it/italia/cronaca/articolo/ix1-A020001039788

presentato da http://italiasvegliati.ilcannocchiale.it

Pubblicato il 25/1/2007 alle 10.43 nella rubrica Intrighi.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web