Blog: http://lapsus.ilcannocchiale.it

Guerra, che fare: sentimenti contrastanti

Leggo sul nuovo forum di IndyMedia

Dal Forum di italy.indymedia.org


Inviato: Sab Feb 22, 2003 12:46 pm Oggetto: GHANDI E LA LOCOMOTIVA


Quando chiesero a Ghandi, se si fosse trovato al posto di inglesi e francesi, come avrebbe fermato le truppe di Hitler che invadevano l'Europa, rispose che gli europei avrebbero dovuto stendersi sui binari e non far passare alcun treno carico di armi e soldati.

Interessante dibattito, sullo stesso forum, su Comunismo e/o Anarchia...

Leggo su vari siti manifesti di donne per la neutralità attiva...

E mi dico: ecco, dall'ora del pensare, del cercare di capire, del riflettere e del confrontarsi, all'ora del fare.

E mi chiedo se ci sarei stato a cercare di fermare un treno carico di armi USA, se ci andrei, se ci andrò...

Qualcosa mi induce ancora a fermarmi a riflettere...

perchè le ambiguità sono tante, forse si sa contro chi e contro cosa si va, ma le conseguenze si diramano in troppe direzioni.... e armiamoci e partiamo... mi suona ancora strano, anche se l'armarsi è solo di gambe e volontà 'gandhiane'.

Certo che l'imprevedibilità insita nella guerra, anche questo comprende: i milioni di pacifisti in Italia e nel Mondo, cosa faranno? si frammenteranno tra chi è piu' attivo contro, chi è piu' attivo e pero' neutrale, chi è passivo, chi volterà gabbana e diventerà 'patriottico'?

Chi e come controllerà i sentimenti contrastanti che ne deriveranno anche in chi finora non si è espresso?

Forse mi sono perso dei messaggi su questo blog. Mi piacerebbe sapere come su questa cosa stanno pensando e 'sentendo' molti che vi 'gravitano' !

Pubblicato il 22/2/2003 alle 14.19 nella rubrica Psicologia e Guerra.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web