.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Chi è chi
1visite.

18 maggio 2004

Donne e Potere: Sonia Gandhi, nata in Italia, alla guida dell'India... purtroppo no

«Devo umilmente declinare l'invito» Sonia Gandhi rinuncia e fa il nome del premier La vedova di Rajiv, non gradita come primo ministro perché italiana, ha deciso di arrendersi. Al suo posto Manmohan Singh NEW DELHI - Sonia Gandhi rinuncia a guidare il governo. Di più: propone Manmohan Singh come nuovo primo ministro indiano, escludendo di fatto di essere lei a ricoprire quella carica, anche dopo aver vinto le recenti elezioni legislative. Lo ha detto Saman Khurshid, uno dei leader del Congresso. Singh è considerato l'architetto delle riforme economiche del Paese e il suo nome è stato fatto ufficialmente dopo che si sono allungati i tempi per la formazione del nuovo governo in India. Dopo la vittoria del Partito guidato da Sonia Gandhi, infatti, si è fatta rovente la discussione sull'opportunità di avere, a New Delhi, «un primo ministro straniero». Di fronte alle polemiche, nient'affatto messe a tacere dalla travolgente vittoria elettorale, sulla sua origine italiana, Sonia Gandhi ha deciso quindi di rinunciare a guidare il nuovo governo indiano. Ma il Partito del Congresso - le cui sorti sono state risollevate dall'azione politica della Gandhi - continua nonostante tutto a fare pressione su di lei perché accetti comunque l'incarico. Secondo Saman Khurshid sarà «molto difficile» che la vedova dell'ex premier Rajiv Gandhi cambi idea. SUICIDI - «Se Sonia non diventa premier, moriremo, ci uccideremo». Con questa dichiarazione estrema una ventina di sostenitori di Sonia Gandhi intendono supportare la sua elezione a premier, messa in discussione nelle ultime ore. Il gruppo, insieme ad altri manifestanti, sta dimostrando davanti alla villa della famiglia Gandhi a New Delhi. L'INCONTRO - Stamane la Gandhi, nel palazzo presidenziale Rashtrapati Bawan, aveva incontrato il capo dello Stato, il presidente Abdul Kalam: colloquio nel quale si era discusso della formazione del nuovo governo, ma dal quale l'«italiana» - come molti suoi avversari politici continuano a chiamare la vedova di Rajiv, il figlio di Indira Gandhi - non era uscita con l'incarico ufficiale di premier. BORSA IN ALTO - La borsa di Bombay, reagendo alle voci di una possibile rinuncia di Sonia Gandhi alla nomina a primo ministro, si è impennata, dopo aver registrato la peggiore caduta della sua storia nella giornata di ieri. L’indice Senex ha guadagnato l’8,6% per chiudere provvisoriamente a 4.893,64 punti. Ieri la borsa aveva ceduto oltre il 15%, sulla base delle preoccupazioni degli investitori sulla partecipazione al governo di due partiti comunisti, che avrebbero potuto provocare la sospensione deel programma di privatizzazioni intrapreso negli ultimi anni. (18 maggio 2004 - Corriere.it)

  • Donne e Potere: Sonia Gandhi, nata in Italia, alla guida dell'India Panorama, 18 Maggio 2004 I MOTIVI DELLA RINUNCIA I motivi della rinuncia della Gandhi sono tutti nella cultura nazionale indiana e nella delicata transizione economica che vive il Paese: troppo difficile guidare un Paese che ti è in larga parte ostile; troppo complesso - a quanto fanno sapere fonti parlamentari indiane citate dalle agenzie di stampa - formare un governo di coalizione, con 19 partiti tra cui due partiti comunisti, dai quali gli investitori sembrano spaventati. Meglio dare un segnale rassicurante, facendo il nome di un tecnico al di sopra delle dispute politiche e capace di proseguire sulla strada delle riforme neoliberali avviate da BJP, come Manhoman Singh, ben visto dal Congresso e ben visto dagli investitori. E soprattutto indiano doc. Sify news: Sonia's comments ambiguous: Cong leaders Tuesday, 18 May , 2004, 23:11 New Delhi: Congress president Sonia Gandhi's cryptic comment that she should be trusted to take a decision on the Prime Ministership, was interpreted by Congress leaders as being ambiguous. AICC general secretary Ghulam Nabi Azad said while a final decision has been left to her, she has been asked to reconsider by the party members who have authorised her to take the next step. Congress sources said with this authorisation, Gandhi could, if she so deemed fit, decide to nominate anyone of her choice to fill the top slot. "It is very difficult to interpret her concluding remarks," said senior leader R K Dhawan. Congress leader from Maharashtra A R Antulay felt the whole issue "is still open" and that Gandhi would accept the unanimous view asking her to reconsider her decision. Senior Congress leader Arjun Singh, who was the last speaker, told reporters later "I only trust that she does reconsider her decision." Manmohan Singh, however did not react to repeated inquiries about his views on Gandhi's remarks. Pranab Mukherjee also declined to comment and drove off. Senior lawyer and Lok Sabha MP Kapil Sibal said "we believe that the Congress President will take the decision in the best interest of country and the party. "Whatever decision she takes we will accept it including nominating another person for the prime ministership," he said adding that he did not consider another CPP would be necessary to elect another leader if she struck to her stand. "Her views would be known very soon," Sibal said while observing "I think she will take the decision keeping in view the sentiments expressed by the party." Former Maharashtra Chief Minister A R Antulay said "according to me the Congress President will reconsider her stand." Azad, who led the Congress campaign in Andhra Pradesh, said that the Lok Sabha and Rajya Sabha MPs have expressed the views and Gandhi has promised to take a view that she thought right. "Let us leave it to her," he said. Renuka Chowdhury said "we believe that the Congress President is the best person to decide." Asked why Gandhi had agreed to become leader of CPP and the coalition if she had no intention of becoming the Prime Minister, a senior party leader said she had been speaking about this to some of the party veterans for the last few days. One of the prime considerations was that the BJP and its NDA allies would keep raking up the foreign origin issue which could embarrass the party as also the Congress partners and supporters. Another factor taken into account by her was that the need of the hour was to ensure a stable, secular Government and all attempts at derailing this should be effectively thwarted. The third reason was that both Rahul and Priyanka were against their mother taking up Prime Ministership in view of threat perceptions as also the fact that the family has suffered immensely with the assassination of Indira Gandhi and Rajiv Gandhi. The Indu Business Line New Delhi , May 18 IN a day of high political drama that could have a major impact on the evolving power equations at the Centre, the Congress President and recently elected leader of the Congress Parliamentary Party (CPP), Ms Sonia Gandhi, declined to assume the post of Prime Minister of the country. The name of the former Finance Minister, Dr Manmohan Singh, is being talked about as a possible candidate for the post. "I have often stated that the post of Prime Minister is not my aim. I was always certain that if ever I found myself in the position that I am in today I would follow my own inner voice. Today, that voice tells me I must humbly decline this post," she told an stunned gathering of Congress MPs at a CPP meeting at the Central Hall of Parliament. However, the CPP ruled out any alternative choice and passed a unanimous resolution urging her to reconsider the decision. Ms Gandhi was virtually forced at the end to say that she would take a decision. "You must trust me." Stating that power had never attracted her, she said that her aim was to defend the secular foundation of the country. "We have waged a successful battle. But we have not won the war. That is a long and arduous struggle, and I will continue it with full determination." Ms Gandhi's decision could turn out to be a masterstroke in defusing the rising crescendo of protest from leaders of the NDA who have threatened to launch a nationwide protest to protest the swearing in of a person of foreign origin as the Prime Minister. Rumours of Ms Gandhi's reluctance to take up the PM's post were raging in political circles throughout the day, with speculations rife that she would propose the name of senior Congress leader and former Finance Minister, Dr Manmohan Singh, to don the mantle of leading the United Progressive Alliance (UPA). While Ms Gandhi claimed that it was her "inner conscience" that led her to take the decision to opt out, senior Left front leaders Mr Jyoti Basu and Mr Somnath Chatterjee said that the decision was taken under pressure from her children who feared that it could expose her life to risk. While several UPA allies sent out messages that Ms Gandhi should reconsider her decision, the Left parties said that if Dr Singh emerges as the consensus CPP candidate for the PM's post they would have no hesitation to support him in forming a secular alliance. Earlier in the day Ms Gandhi met the President, Dr A.P.J. Abdul Kalam, who had invited her as the leader of the single largest party in the newly constituted Lok Sabha to assess the feasibility of her forming the next Government with the support of allies and other parties supporting from outside such as the Left parties and the Samajwadi Party. Giving little indication of the impending political storm, Ms Gandhi came out of the meeting and informed waiting newspersons that another round of discussion would be held with the President on Wednesday on Government formation The Hindu: Euphoria. anger and a sullen mood By Our Staff Reporter NEW DELHI, MAY 18. Passions ran high outside 10 Janpath, the residence of the Congress president, Sonia Gandhi, this afternoon as news of her decision not to accept the prime ministership reached a large number of Congress supporters who had gathered there to celebrate their party's return to power. Scenes of euphoria turned into angry protests against the Bharatiya Janata Party, particularly its leader, Sushma Swaraj, for "negating the people's mandate and showing disrespect to the Constitution." It all began around 2 p.m. when television channels aired the news of Ms. Gandhi's decision not to become the Prime Minister. It led to spontaneous reaction from the workers present there. Workers of the Congress and its other wings, including the Indian Youth Congress, the Congress Seva Dal, the Mahila Congress and the National Students Union of India started flooding outside Ms. Gandhi's residence urging her to reverse her decision. While some workers sat on `dharna,' some climbed on the trees. The situation became tense when some workers even threatened to commit self-immolation. Amid all the chaos, the AICC secretary, Gangacharan Rajput, created a flutter by taking out his revolver and threatening to shoot himself. Not only were the party workers taken aback by this sudden development, a large number of security personnel present were also caught unawares. It took 15 minutes for the partymen and the police to overpower Mr. Rajput and end the drama. Slogans such as "Sonia lao-desh bachao," "Sonia nahin to koi nahin" and "Desh ke dushman desh mein-BJP ke bhesh nahin" and those against Sushma Swaraj rent the air as workers, including women, squatted on the road. Even senior Congress leaders had a tough time making their way to 10 Janpath, for "having failed to persuade Ms. Gandhi to change her decision."




    permalink | inviato da il 18/5/2004 alle 22:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
  • 13 maggio 2004

    Donne e Potere: Sonia Gandhi, nata in Italia, alla guida dell'India

    Giovedì 13 Maggio 2004, 12:55 India: premier sconfitto dall'italiana Sonia Gandhi NUOVA DELHI (Reuters) - Con un nome che ha da sempre un effetto magico sulla società indiana, una donna nata in Italia ha sovvertito ogni pronostico elettoraIe rivitalizzando col fascino della dinastia Gandhi il vecchio Partito del Congresso e battendo il primo ministro indiano Atal Behari Vajpayee, che accettato l'esito delle elezioni nazionali rassegnerà le proprie dimissioni. Con i conteggi ormai quasi completati, il partito d'opposizione guidato da Sonia Gandhi, i suoi alleati ed i sostenitori della sinistra sono in testa con 272 seggi, numero cruciale per formare il governo. "Il merito va quasi interamente a Sonia Gandhi, alla sua instancabile campagna, con le folle che è riuscita ad attirare con la sua personale popolarità", dice Pran Chopra, commentatore politico. Anche gli elettori hanno espresso sorpresa per l'esito delle votazioni, di fronte alla prospettiva di vedere il vecchio statista Vajpayeee, come ha preannunciato un ministro del suo governo, lasciare il posto a Sonia Gandhi, che è riuscita a ridare vita, con i suoi figli diventati assai popolari, Rahul e Priyanka, nuova generazione della dinastia Nehru-Gandhi, il partito del Congresso, che solo un mese fa nei sondaggi era dato ampiamente per sconfitto e destinato a restare all'opposizione. Gli osservatori non riconoscevano a Sonia, vedova dell'ex primo ministro Rajiv Gandhi, assassinato, nemmeno l'ombra di una possibilità di formare un governo nella più popolosa democrazia del mondo. Ma l'alone del nome Gandhi ha avuto un effetto straordinario, grazie ad una dinastia, la Gandhi-Nehru, che ha governato l'India per 35 dei sui 57 anni d'indipendenza, popolare come i Kennedy in America. Rajiv era figlio dell'ex primo ministro Indira e nipote di Jawaharal Nehru. Sonia, 57 anni, figlia di un costruttore edile di Torino che 30 anni fa era entrata col matrimonio nella prima famiglia indiana, potrebbe anche prendere il posto di premier, dopo aver adottato lo stesso slogan "Jai Hind" (Salve India), lo stesso modo di fare e lo stesso incedere della suocera Indira. Copyright © 2004 Reuters. Tutti i diritti riservati. Copyright © 2004 Yahoo! S.r.l. Tutti i diritti riservati.




    permalink | inviato da il 13/5/2004 alle 13:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

    8 maggio 2004

    Donne e Guerra (3), dal soldato Jane al soldato Sabrina D. Harman

    Parla Sabrina Harman, in servizio nel carcere di Abu Ghraib "Ce li portavano già incappucciati, dovevamo farli parlare" Torture in Iraq, la soldatessa Sabrina D. Harman rivela: "L'ordine era tenerli all'inferno" ROMA - Un altro membro dell'esercito statunitense accusato di torture ai prigionieri iracheni parla di ordini arrivati dall'alto. Sabrina Harman, una delle soldatesse in servizio nel carcere iracheno di Abu Ghraib, ha dichiarato al quotidiano statunitense Washington Post che non agiva personalmente, ma che le era stato affidato il compito di "far vedere ai detenuti l'inferno" e di fiaccare la loro volontà di resistenza. Harman, attraverso un'intervista via email pubblicata sul sito Internet del giornale, ha spiegato che i detenuti venivano passati alla sua unità di polizia militare da agenti dell'Intelligence dell'esercito, da funzionari della Cia e da personale civile, che aveva avuto in appalto il compito di condurre gli interrogatori. "Li portavano a gruppi, già incappucciati e ammanettati - ha spiegato la giovane - e il compito della polizia militare era di tenerli svegli e di far loro vedere l'inferno in modo che parlassero". I prigionieri era denudati, perquisiti e "fatti stare in piedi o in ginocchio per ore", ha raccontato la donna. "Qualche volta erano forzati a stare su scatole o a tenere con le braccia alzate dei pesi, fino allo stremo", ha riferito ancora. Il volto della giovane, 26 anni, è diventato tristemente noto per le foto che la ritraggono dietro a cataste di prigionieri nudi. "Le persone che ce li portavano - ha raccontato inoltre la soldatessa - stabilivano il modo in cui trattarli. Se un prigioniero cooperava, allora poteva tenere i vestiti, il suo materasso, e gli era consentito avere sigarette e persino cibo caldo. Ma se non collaborava come Loro volevano, gli veniva tolto tutto. Sonno, cibo, vestiti, materasso, sigarette erano tutti privilegi ed erano concessi solo in base alle informazioni ricevute". Harman ha anche detto che non c'erano degli standard nelle operazioni da seguire verso i ribelli detenuti, ma che l'esercito o gli uomini dei servizi "stabilivano di volta in volta le regole". Nessuno ha mai parlato a lei o ai suoi compagni della Convenzione di Ginevra sul trattamento dei prigionieri di guerra. (La Repubblica, 8 maggio 2004)

  • Donne e Guerra (2), dal soldato Jane al soldato Jessica Lynch
  • Donne e Guerra, dal soldato Jane al generale Janis Karpinski Soldier: Unit's Role Was to Break Down Prisoners Reservist Tells of Orders From Intelligence Officers By Jackie Spinner Washington Post Staff Writer Saturday, May 8, 2004; Page A01 There were no rules, by her account, and there was little training. But the mission was clear. Spec. Sabrina D. Harman, a military police officer who has been charged with abusing detainees at the Abu Ghraib prison in Iraq, said she was assigned to break down prisoners for interrogation. "They would bring in one to several prisoners at a time already hooded and cuffed," Harman said by e-mail this week from Baghdad. "The job of the MP was to keep them awake, make it hell so they would talk." Harman, one of seven military police reservists charged in the abuse of detainees at the prison, is the second of those soldiers to speak publicly about her time at Abu Ghraib, and her comments echo findings of the Army's investigation into prisoner abuse there. That probe documented the maltreatment of detainees and found the prison was chaotically run, that there were no apparent rules governing interrogations and that Harman's military police unit was ill trained for the job it was asked to perform. Harman, a 26-year-old Army reservist from Alexandria, said members of her military police unit took direction from Army military intelligence officers, from CIA operatives and from civilian contractors who conducted interrogations. She did not discuss abusive treatment of prisoners or clarify who specifically ordered such treatment, and she referred questions about the charges against her to her attorney, who declined to comment. Her face is now famous as belonging to one of two soldiers posing in the widely published photograph of naked Iraqi detainees stacked in a pyramid. The picture is one of several that have inflamed the Arab world and brought condemnation from President Bush and other U.S. political and military leaders. Harman is accused by the Army of taking photographs of that pyramid and photographing and videotaping detainees who were ordered to strip and masturbate in front of other prisoners and soldiers, according to a charge sheet obtained by The Washington Post. She is also charged with photographing a corpse and then posing for a picture with it; with striking several prisoners by jumping on them as they lay in a pile; with writing "rapeist" on a prisoner's leg; and with attaching wires to a prisoner's hands while he stood on a box with his head covered. She told him he would be electrocuted if he fell off the box, the documents said. In her e-mails, Harman said detainees would be handed over to her military police unit by Army intelligence officers, by CIA operatives or by the contractors. The Army probe into Abu Ghraib said the U.S. government used employees of private companies as interrogators and interpreters along with intelligence officers. Two of the civilian contractors are under investigation in connection with the abuses. Prisoners were stripped, searched and then "made to stand or kneel for hours," Harman said. Sometimes they were forced to stand on boxes or hold boxes or to exercise to tire them out, she said. "The person who brought them in would set the standards on whether or not to 'be nice,' " she said. "If the prisoner was cooperating, then the prisoner was able to keep his jumpsuit, mattress, and was allowed cigarettes on request or even hot food. But if the prisoner didn't give what they wanted, it was all taken away until [military intelligence] decided. Sleep, food, clothes, mattresses, cigarettes were all privileges and were granted with information received." She said the prison had no standard operating procedures and on Tier 1A, where suspected insurgents were held, Army and other intelligence officers "made the rules as they went." Harman joined the Army as a reservist in 2001, after the Sept. 11 terrorist attacks. She was assigned to the 372nd, based in Cresaptown, Md. The company was called up for duty in February of last year and deployed to Fort Lee, Va., for three months before heading to Iraq. Harman, an assistant manager at a Papa John's Pizza in Fairfax County before being sent to Iraq, said the company received additional training at Fort Lee, but it was for "combat support, not I/R," the military term for internment and resettlement. She said she was never schooled in the Geneva Conventions' rules on prisoner treatment. "The Geneva Convention was never posted, and none of us remember taking a class to review it," Harman said. "The first time reading it was two months after being charged. I read the entire thing highlighting everything the prison is in violation of. There's a lot." In the Army report on conditions at the prison, Maj. Gen. Antonio M. Taguba said that "soldiers were poorly prepared and untrained to conduct I/R operations prior to deployment, at the mobilization site, upon arrival in theater and throughout their mission." The Army has launched several investigations into the abuse and has notified seven officers and sergeants that they will receive letters of reprimand or admonishment that could end their careers. Harman is charged with conspiracy, dereliction of duty, cruelty and maltreatment, making a false statement, and assault. She faces an Article 32 hearing tentatively set in June, the military equivalent of a preliminary hearing to determine whether there is enough evidence to convene a court-martial. In his investigation, Taguba used a portion of Harman's sworn statement to conclude that prisoners had been abused. Harman "stated . . . regarding the incident where a detainee was placed on box with wires attached to his fingers, toes, and penis, 'that her job was to keep detainees awake.' " The other soldiers charged with abuse are Staff Sgt. Ivan L. Frederick II, Sgt. Javal S. Davis, Cpl. Charles A. Graner Jr., Spec. Jeremy C. Sivits, Spec. Megan M. Ambuhl and Pfc. Lynndie R. England. England, who was shown in a photo published in Thursday's Post, was charged yesterday. Harman's mother, Robin Harman, said her daughter would never hurt anyone. "She has this . . . attitude that she is going to save the world," said Robin Harman, who lives in Northern Virginia. "She got over there and got an eye-opener. You don't put unqualified kids in that situation." Yesterday, as Robin Harman watched Defense Secretary Donald H. Rumsfeld testify, she called her daughter a "scapegoat." "They're passing the buck, putting it all on the little kids," she said. "That's what makes me so mad." Harman took many photographs while in Iraq, her family said. Among hundreds of digital pictures passed around her MP unit -- and obtained by The Post -- is one taken before the soldiers got to Abu Ghraib in October. In it, Harman is smiling, crouching slightly, a thumb up, and leaning toward a blackened, decaying corpse with long fingers and a gaping mouth. The photo was taken at a makeshift combat morgue in Al Hillah, her family said, citing letters that Harman sent with the picture. Sabrina Harman grew up around photographs of dead people, her family explained. Her father was a homicide detective, and her mother was a forensics buff. Robin Harman said her husband often brought home crime-scene photographs for the family to "profile." "She has been looking at autopsies and crime-scene pictures since she was a kid," her mother said. Shortly after Harman got to Abu Ghraib in October, her mother said, she began to take and collect pictures as evidence of the improper conditions. Robin Harman said when her daughter told her what she was doing, she ordered her to stop. "We got into an argument about it at 4 a.m.," Robin Harman said. "Sabrina said she had to prove this. I told her to bring the pictures home, hide them and stay out of it." Sabrina Harman brought the photographs home to Virginia in mid-November during a two-week leave. An Army investigator showed up on Jan. 16 and took a CD of photos and Harman's laptop computer, her roommate said. In February, the Army moved Harman to Camp Victory, a base of trailers and tents near Baghdad's airport. Her weapon was confiscated, but she is not in confinement. She spends her days sweeping streets and planting flowers, her family said. Robin Harman said her daughter had dreamed of following her father into a career as a homicide detective. Now she does not want to have anything to do with law enforcement, Robin Harman said. "She just moved out two years ago," Robin Harman said. "She has no clue what people are really like. She thinks everyone is good." © 2004 The Washington Post Company




    permalink | inviato da il 8/5/2004 alle 23:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
  • 7 maggio 2004

    Donne e Guerra (2), dal soldato Jane al soldato Jessica Lynch

    ... Aveva il viso acqua e sapone, i capelli a caschetto e un bel sorriso. Una qualunque liceale americana. Ma quella era una foto scattata prima di partire per l'Iraq. Le foto con cui il mondo intero l'ha conosciuta, sono quelle che la ritraggono con le dita che simulano una pistola, puntate contro i genitali di un prigioniero. O quella in cui se la ride davanti ad una piramide di detenuti nudi ed incappuciati. O quella in cui porta al guinzaglio un iracheno nudo in un corridoio di Abu Ghraib. Ecco Lynndie R. England, 21 anni, 372simo battaglione di polizia militare. C'è anche lei fra i torturatori sotto inchiesta. Ora è stata richiamata dall'Iraq e confinata in una base del North Carolina. E degradata da specialista a soldato semplice. Ad Abu Ghraib, era stata assegnata all'ala della prigione dove i detenuti venivano identificati. Ma nel braccio A1 andava spesso, perché il soldato Charles Garner, uno degli aguzzini, era il suo boyfriend. Lynndie arriva dal West Virginia. Come Jessica Lynch, catturata dagli iracheni nei pressi di Nassiriya e liberata il primo aprile 2003 dalle teste di cuoio americane. Il West Virginia è lo Stato con gli indici di disoccupazione più alti d'America. Lynndie è cresciuta lì, in una casa-roulotte a Fort Ashby. Quella stessa roulotte ora assediata dai media. Giovanissima, si è sposata con un commesso del locale supermercato. Poco dopo ha divorziato. Fort Ashby è un paesino dove si conoscono tutti. Il padre di Lynndie, Kenneth, faceva l'operaio delle ferrovie. Lei a gennaio aveva allertato la famiglia: "Voglio che sappiate che ho avuto un problema", aveva detto, prima di finire sotto inchiesta. Per aggiungere, dopo, "mamma, sono stata la persona sbagliata al momento sbagliato". Ed oggi la madre Terrie la difende: "Abusi? Erano stupidi giochi da ragazzi. Bravate. Ma quel che gli iracheni fanno ai nostri ragazzi è giusto? Le regole della Convenzione di Ginevra si applicano solo a loro, o anche a noi?". Una delusione, a Fort Ashby. Un supermercato mostra una sua foto su una "Parete d'onore". Un'altra foto era affissa in un'aula di tribunale: "Siamo fieri dei nostri ragazzi", si leggeva nella didascalia. "Dovrebbero pagare caro per quel che hanno fatto: erano abbastanza addestrati per distinguere il bene dal male, e hanno fatto del male", commenta William McGregor, ex marine in pensione. A casa, Lynndie c'era tornata per Natale. I genitori la ricordano "malata, stanca, tossiva sempre. Aveva perso dieci chili e ha dormito sempre ". Dicembre: quando, cioè, secondo il rapporto del generale Taguba, il grosso degli abusi era già stato commesso. "Dicono che non ha richiesto un avvocato. Non è vero, lo ha chiesto fin da gennaio, e non siamo in grado di pagare", ha detto Destiny Goin, che ha vissuto con la famiglia di Lynndie e la considera una sorella. Lynndie fin da bambina ha avuto una propensione per le "emozioni forti". Amava temporali e cicloni, se c'era un tornado, hanno detto i genitori, non c'era verso di farla rientrare. Come il "soldato Jessica", anche Lynndie si era arruolata per pagarsi il college. Era iscritta alla Franklin High School di Ridgeley. Mai vista in minigonna: sempre in mimetica e anfibi. Era, dicono amici e parenti, una donna dura e indipendente, che "non ha paura di spezzare un chiodo con le mani". Secondo alcuni studiosi, la "trasformazione" in aguzzino non sarebbe nulla di straordinario. Philip Zimbardo, un docente dell'università di Stanford, nel 1971 fece un esperimento. Creò una prigione e vi chiuse dentro 24 studenti, divisi tra guardie e prigionieri. Nel giro di pochi giorni, i "custodi" si erano trasformati in carnefici, e ad un certo punto coprirono la testa dei detenuti con dei sacchetti, li obbligarono a spogliarsi e ad eseguire atti sessuali. I responsabili dello studio bloccarono l'esperimento, di cui sono rimaste le foto come documentazione. Secondo il ricercatore, chiunque potrebbe superare il limite. Per questo Zimbardo, in un'intervista al New York Times, si è detto "non sorpreso" di quanto accaduto ad Abu Ghraib. E' un ambiente carcerario come quello che si è creato a Bagdad, secondo lo studioso, che crea il problema. Ma quanto accaduto potrebbe essere anche l'effetto della guerra al terrorismo. Per Charles Strozier, direttore del Centro sul terrorismo al John Jay College di New York, l'11 settembre potrebbe aver spinto molti a ritenere che il fine giustifica i mezzi, anche brutali. Negli Usa, ha detto Strozier, c'è oggi chi pensa "che sia giusto torturare qualcuno, se questo serve ad ottenere informazioni che salvino dai terroristi". (La Repubblica, 6 maggio 2004 )

  • Donne e Guerra, dal soldato Jane al generale Janis Karpinski




    permalink | inviato da il 7/5/2004 alle 9:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
  • 6 maggio 2004

    Battersi per la pace... Benny Morris, ex renitente alla leva, non ci crede più

    E la «colomba» Benny Morris non crede più alla pace AUTOCRITICA Ricorda ancora i volti delle vecchie palestinesi e quello che gli raccontarono. Di come tra il 1947 e il 1948 le loro famiglie furono costrette a fuggire dal villaggio di Al Bassa, nel Nord della Galilea. Nel 1982 Benny Morris lavorava in Libano come giornalista ed era la prima volta che entrava in un campo rifugiati, Rashidiye, vicino a Tiro. Quelle storie e le fotocopie annerite che agli inizi degli anni Ottanta cominciarono a uscire dagli archivi militari alla periferia di Tel Aviv lo spinsero a indagare su una delle questioni sempre al centro del conflitto arabo-israeliano: i 700 mila palestinesi che negli anni di guerra dovettero abbandonare le loro case. Le ricerche e le quattrocento pagine di The Birth of the Palestinian Refugee Problem , pubblicato nel 1988, hanno inaugurato la «nuova storiografia» israeliana. Che si proclama post-sionista e vuole riesaminare i miti fondanti dello Stato ebraico: il libro affronta le responsabilità individuali e nazionali che portarono a quell’esodo di massa, che gli arabi chiamano e ricordano come la nak bah , la «catastrofe». Morris accusa le truppe israeliane di crimini di guerra, elenca casi di massacri contro i civili, episodi di violenza carnale. Ma non arriva a sostenere che gli israeliani avessero progettato un piano sistematico di espulsione. E imputa la fuga dai villaggi palestinesi anche ai leader degli Stati arabi: incoraggiarono l’esilio volontario per sfruttarlo come propaganda e giustificare il loro intervento armato. Le indagini di Morris sono rimaste incomplete fino a quando i documenti israeliani sul periodo 1947-48, riservati per cinquant’anni, sono stati declassificati e resi pubblici. Questi nuovi studi arricchiscono i tre saggi storici di 1948. Israele e Palestina tra guerra e pace , pubblicato adesso in Italia, edizione «rivisitata» del libro del 1988. Ma quello che Morris a 54 anni ha deciso di rivisitare sembrano soprattutto le sue posizioni politiche. I quattro capitoli che più hanno fatto discutere in Israele - la destra è arrabbiata per quello che ha scritto in passato, la sinistra non gli perdona quello che dice nel presente - raccontano un processo intellettuale cominciato nel 2000: «Sono stati il rifiuto, da parte della leadership palestinese, delle proposte Barak-Clinton, l’avvio dell’intifada e la richiesta dell’accettazione israeliana del "diritto al ritorno" dei rifugiati che mi hanno persuaso che i palestinesi, almeno in questa generazione, non vogliono la pace». Un’evoluzione che porta Morris il refusnik del 1988 - nel libro è presentato il diario delle tre settimane passate in carcere per essersi rifiutato di prestare servizio come riservista nei territori occupati - a scrivere sedici anni dopo: «Mi sembra di sentirmi un po’ come quei viaggiatori occidentali che, nel 1956, furono bruscamente svegliati dal rumore dei cingoli dei carri armati sovietici che occupavano Budapest (...) La ragione principale del mio pessimismo sull’attuale crisi mediorientale è la figura di Yasser Arafat (...) Invece di informarli accuratamente sulle offerte israeliane di pace, i media controllati dall’Autorità hanno sottoposto i palestinesi a un continuo bombardamento di menzogne e propaganda anti-israeliana. Arafat si è perfezionato ad arte nella pratica di dire una cosa agli occidentali e raccontarne un’altra, ben diversa, ai suoi elettori». Morris ha scontentato chi lo considerava un paladino della causa palestinese anche con un’intervista al quotidiano liberal «Haaretz» del 9 gennaio, intitolata La sopravvivenza dei più forti , dove spiegava la sua posizione sulle espulsioni del 1948. «Ci si potrebbe domandare - scrive lo storico nell’introduzione - che cosa farebbe in una situazione simile Ben Gurion, potesse tornare in vita in qualche modo, visto che probabilmente nel 1948 avrebbe voluto architettare un esodo completo piuttosto che parziale, anche se si tirò indietro all’ultimo momento. Forse oggi rimpiangerebbe la sua moderazione. Se fosse andato dritto, forse oggi il Medio Oriente sarebbe un posto più fiorente, meno violento, con uno Stato ebraico dalla Giordania al Mediterraneo e uno Stato palestinese in Transgiordania». Il libro di Benny Morris, «1948. Israele e Palestina tra guerra e pace», è edito da Rizzoli, pagine 350, 19 Davide Frattini (Corriere della Sera, 6 Maggio 2004) Il pentimento di Benny Morris viene associato, sul Corriere della Sera di oggi, anche ai Nelle scuole palestinesi libri dell’odio, pagati anche dall'Europa Perché un giovane palestinese decide a un tratto di diventare una bomba umana e di andare a seminare morte in una pizzeria o su un autobus di Israele? Per molte ragioni, naturalmente; ma tra di esse un posto rilevante spetta di sicuro anche al sistema educativo cui quel giovane è sottoposto. Si tratta di un sistema educativo imbevuto di pregiudizi e di menzogne anti-israeliane e anti-ebraiche che l’Autorità palestinese ha impiantato nelle scuole sotto la sua giurisdizione, frequentate dalla foltissima popolazione studentesca (900 mila ragazzi e ragazze su 3 milioni circa di abitanti) che vive nella striscia di Gaza e in Cisgiordania. Scuole - è bene ricordarlo - che Arafat amministra in seguito agli accordi di Oslo del 1993-1994 servendosi anche per esse degli imponenti aiuti finanziari della comunità internazionale: più di sette miliardi di dollari dal 1994 al 2002 (una cifra assai superiore comparativamente a quanto destinato dal piano Marshall al Vecchio Continente nel dopoguerra) coperti per oltre il 50 per cento dall’Unione Europea. Il sistema scolastico palestinese ha assorbito più del 12 per cento dell’ammontare di questa somma, e tra i Paesi donatori l’Italia ha svolto e svolge un ruolo di primo piano, occupandosi in particolare proprio dello sviluppo del programma scolastico palestinese. Ignoro se un ufficio del nostro ministero degli Esteri o di qualche altro ministero abbia seguito tale programma, ma è certo che, se ve n’è stato uno, il suo responsabile dovrebbe forse qualche spiegazione all’opinione pubblica italiana per l’uso menzognero e ferocemente antiebraico che è stato fatto del denaro del contribuente italiano. Ne sono una prova i manuali scolastici che da anni l’Autorità palestinese va introducendo nelle sue scuole al posto dei vecchi manuali giordani ed egiziani (che pure per parte loro non scherzavano) e sui quali ci informa adeguatamente un rapporto redatto da Yohanan Manor, vice-presidente del Center for Monitoring the Impact of Peace (Cmip), una ong americana specializzata nell’esame dei testi adoperati nelle scuole dei Paesi arabi: rapporto che leggo in francese con il titolo Les manuels scolaires palestiniens: une génération sacrifiée , Berg International éditeurs, 2003. L’elencazione degli errori, delle omissioni e delle vere e proprie falsità ammannite agli studenti palestinesi dalle loro scuole è davvero impressionante. È degno di nota, tanto per cominciare, che in nessun testo si spenda una sola parola sugli accordi di Oslo o si menzioni mai il processo di pace. Ancora più significativo, però, è il fatto che dappertutto si passi nel più assoluto silenzio (o si neghi addirittura) l’esistenza nella regione di luoghi santi della religione ebraica. Nei manuali palestinesi, come in tutti quelli arabi, anche Abramo è presentato come «un monoteista musulmano e non idolatra». L’intento evidente è quello di contestare alla radice che gli ebrei abbiano mai avuto con quelle terre un qualche rapporto, affinché così il sionismo possa essere dipinto, per l’appunto, come una «creazione delle potenze imperialistiche nel cuore della Terra Araba, al fine di procurarsi una base in grado di aiutarle contro i Paesi arabi vicini», nonché venir additato insieme al nazismo come «l’esempio più evidente di ideologia razzista e di discriminazione esistente al mondo». Ci sono così tutte le premesse per negare nella maniera più assoluta non solo la legittimità ma perfino la stessa esistenza fisica dello Stato di Israele che infatti è letteralmente e vigorosamente cancellato da tutte le carte geografiche che costellano questi testi (su 28 carte neppure una fa eccezione), così come del resto Israele non viene mai neppure citata con il suo nome. Si parla infatti solo e sempre di «Palestina araba» e si dice, per esempio, che «il Negev costituisce la metà della superficie della Palestina». Si arriva al punto di cancellare la dizione in ebraico «Eretz Israël» da un francobollo emesso all’epoca del mandato britannico che riportava la suddetta dizione accanto a quella in arabo e a quella in inglese di «Palestine». Come ci si può immaginare i termini «ebreo», «sionista» e «israeliano» sono usati in modo assolutamente intercambiabile, e così nel manuale La nostra lingua araba si può tranquillamente leggere: «Perché abbiamo il dovere di lottare contro gli ebrei?», o in Educazione islamica : «Il tradimento e la malvagità sono alcuni dei tratti tipici degli ebrei. Bisogna dunque diffidarne». Con tali premesse non meraviglia che ai giovani palestinesi venga proposto un esercizio come il seguente: «Spiegare le ragioni che hanno indotto gli europei a perseguitare gli ebrei»; al quale quesito il manuale in questione ( Storia degli arabi e del mondo moderno ) suggerisce le risposte del caso (per esempio «l’inclinazione degli ebrei al fanatismo razziale e religioso») arrivando alla conclusione che comunque «la persecuzione fu auspicata dagli ebrei stessi» al fine di realizzare la «sionizzazione degli ebrei del mondo». Del resto non a caso un vago impegno sottoscritto nel duemila da alcuni Paesi arabi e dall’Autorità palestinese per inserire la Shoah nei loro programmi di insegnamento suscitò una sollevazione generale presso le rispettive opinioni pubbliche, e non a caso tale sollevazione si indirizzò contro la «cultura della pace» definita una versione americana della globalizzazione, il cui scopo sarebbe stato «la cancellazione della memoria delle nazioni, del loro retaggio nazionale e della loro storia». In armonia con questo apprezzamento per la «cultura della pace» i manuali dove studiano i giovani palestinesi presentano la Jihad come «il dovere religioso di ogni musulmano maschio o femmina» sottolineando come «i combattenti Jihad martiri sono le persone più onorate dopo i profeti». La glorificazione del martirio e del martire (shahid) è esplicitamente inclusa tra gli obiettivi pedagogici del sistema di istruzione agli ordini di Arafat, il quale - è bene ricordarlo - è stato per parecchi anni proprio ministro dell’Educazione dell’Autorità palestinese. Si legge a chiare lettere in un manuale per gli allievi dell’ottavo livello: «I vostri nemici cercano la vita, voi cercate la morte. Essi cercano le carogne con cui riempire i loro stomaci vuoti, voi cercate un giardino grande come il Cielo e la Terra. Non temete di affrontarli, poiché la morte non è amara nella bocca del credente». Tutto questo - lo ripeto - è stampato, distribuito e insegnato a spese anche di chi sta leggendo in questo momento queste righe attraverso la Commissione europea nonché un’agenzia apposita delle Nazioni Unite, l’Unrwa. Quest’ultima per la verità ha fatto, sì, qualche tempo fa un timido tentativo di reagire, ma ha rapidamente battuto in ritirata dopo gli attacchi della stampa egiziana che per bocca dell’autorevole «al-Ahram» ha attaccato violentemente la sempre detestatissima «cultura della pace» a suo dire predicata dall’Unesco, nonché il connesso progetto educativo consistente nel voler «cambiare i programmi scolastici dei Paesi arabi per suscitare nei giovani l’avversione alla guerra e dare un’immagine accettabile di Israele». Comunque l’Unrwa - va detto dietro pressione del Congresso Usa - un tentativo almeno di reagire alle falsificazioni antisemite alle quali vengono educati i ragazzi e le ragazze palestinesi lo ha fatto; il commissario europeo Chris Patten, invece, neppure quello. Si è ipocritamente trincerato dietro il particolare tecnico che Bruxelles si limita a finanziare la produzione e la stampa dei manuali ma non può permettersi alcuna ingerenza né nella loro redazione né nel loro uso: un esempio memorabile, come si vede, di quella dedizione ai valori della democrazia e della verità di cui l’Unione Europea proclama da sempre di essere una rocca inespugnabile. di ERNESTO GALLI DELLA LOGGIA




    permalink | inviato da il 6/5/2004 alle 14:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

    5 maggio 2004

    La terribile verità di Michael Moore turba Topolino !

    La Disney boicotta Michael Moore La Walt Disney non permetterà alla sua controllata Miramax di distribuire il nuovo documentario di Michael Moore, 'Farenheit 911', il film che conterrebbe rivelazioni scottanti sull'11 settembre e soprattutto sugli imbarazzanti legami tra il clan del presidente George W. Bush e alcune potenti famiglie saudite, prima tra tutte quella di Osama bin Laden. Dopo il successo nel 2002 con la vittoria dell'Oscar per 'Bowling to Columbine', Moore aveva annunciato che si sarebbe dedicato a una pellicola per contribuire alla sconfitta di Bush nelle elezioni di novembre di quest'anno. Il documentario sarà comunque presentato sulla Croisette, al festival di Cannes previsto dal 12 al 23 maggio. Ma secondo 'Daily Variety', il vertice di Miramax, principale finanziatore del progetto, ha deciso che il film non sarà distribuito. Secondo l'agente di Moore, Ari Emanuel, l'amministratore delegato di Disney, Michael Eisner, temeva che la Disney perdesse i benefici fiscali che riceve per i parchi-divertimento, gli alberghi e le altre attività che il colosso dell'animazione possiede in Florida, lo Stato dove è governatore Jeb Bush, fratello minore del presidente Usa. (Kataweb Cinema) Wednesday, May 5th, 2004 Disney Has Blocked the Distribution of My New Film... by Michael Moore Friends, I would have hoped by now that I would be able to put my work out to the public without having to experience the profound censorship obstacles I often seem to encounter. Yesterday I was told that Disney, the studio that owns Miramax, has officially decided to prohibit our producer, Miramax, from distributing my new film, "Fahrenheit 9/11." The reason? According to today's (May 5) New York Times, it might "endanger" millions of dollars of tax breaks Disney receives from the state of Florida because the film will "anger" the Governor of Florida, Jeb Bush. The story is on page one of the Times and you can read it here (Disney Forbidding Distribution of Film That Criticizes Bush [By JIM RUTENBERG, Published: May 5, 2004, WASHINGTON, May 4 — The Walt Disney Company is blocking its Miramax division from distributing a new documentary by Michael Moore that harshly criticizes President Bush, executives at both Disney and Miramax said Tuesday. The film, "Fahrenheit 911," links Mr. Bush and prominent Saudis — including the family of Osama bin Laden — and criticizes Mr. Bush's actions before and after the Sept. 11 terrorist attacks.])... Michael Moore (http://www.michaelmoore.com

  • Radio Popolare
  • http://www.disinformazione.it/paginamoore.htm Leibniz: Una donnola per amico In Usa c'è ancora qualcuno un po' contrariato per l'atteggiamento di americani celebri e di alcuni paesi stranieri sulla guerra al terrore. Così ecco le carte dove ai gerarchi iracheni sono sostituiti i "nemici della patria" (Michael Moore, Tim Robbins, Jacques Chirac, Barbra Streisand, Teddy Kennedy, Kofi Annan, ecc...) e il blog "The Axis of Weasels". Mercoledì 7 Aprile 2004, 12:10 La terribile verità di Michael Moore Di Maria Elena Capuano In esclusiva è arrivata su Jimmy (Sky), assolutamente inedita in Italia, The Awful Truth di Michael Moore. Ogni giovedi alle 21.00 con due episodi. La serie nasce nel ’99 e da allora il suo ideatore si è fatto paladino della “terribile verità” contro l’ipocrisia e la corruzione della vita americana. La sua lotta è cominciata dieci anni prima con Roger and Me ed è con continuata con Bowling a Colombine (Oscar come miglior documentario), provocatorio “reportage” uscito nel 2002. In 24 episodi, in lingua originale e sottotitoli in italiano, Moore spara a raffica su tutto e tutti schierandosi dalla parte di quelli che la società classista e razzista dell’America di oggi esclude ed emargina. Eccolo allora, contro le compagnie assicurative che lasciano morire di cancro i propri clienti a causa di cavilli burocratici. Se la prende con le multinazionali del tabacco contro la pubblicità ingannevole fatta sulle sigarette, o ancora urla contro lo sfruttamento dei lavoratori della Disney nel Terzo Mondo per la produzione sottocosto di gadgets. Ma il suo bersaglio preferito è George W. Bush e la guerra in Iraq. Reduce dell’esperienza dei videoclip girati per i R.E.M. e i Rage Against The Machine, Moore presenta i suoi servizi dal finto studio televisivo della PDRTV, la Repubblica Popolare della Televisione Democratica. Oppure si tuffa in uno sfrenato tour per le strade della città per andare a “caccia di streghe”. Eccolo alla guida di un folle taxi per le via di NY mentre invita solo clienti afro-americani, o quando con una Gay Band va in giro su una rosa “Sodomobile” per gridare giustizia in faccia a chi si schiera contro l’omossessualità. Altro suo bersaglio, i ricconi. Che contrappone ai poveri in un quiz: “Batti i ricchi”. I due avversari, un povero e un ricco, vengono messi a confronto su argomenti come i prezzi dei prodotti alimentari o i salari degli operai. Inutile dire chi vincerà. Al suo attivo anche due libri Stupid White Men e Dude, Where’s My Country?, diventati best-seller. Un successo dovuto all’ energia con cui difende la verità. Molti vorrebbero la sua testa. Ma molti altri lo amano. Con gli incassi dei libri, delle sale e dell’home video, Michael Moore finanzierà il Center For Alternative Media che sorreggerà gruppi di azione sociale e di controinformazione per ciò che riguarda la giusta informazione sui temi politici, sociali ed economici. La sua lingua infuocata continua la crociata in nome di quegli americani che credono in un’America pacifica e pacifista. Invita a far sentire le proprie voci perché, “nonostante ciò che sono riusciti a farle, resta ancora la nostra nazione”, come si legge sul suo sito ufficiale. Per chi ama la verità a tutti i costi.




    permalink | inviato da il 5/5/2004 alle 19:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
  • 2 maggio 2004

    Donne e Guerra, dal soldato Jane al generale Janis Karpinski

    Janis KarpinskiPer la prima volta una donna riesce ad essere ammessa, dopo un brutale addestramento, in un corpo scelto della marina: i SEAL. Il fatto che le donne stiano riuscendo a violare il sacrario maschilista dei corpi scelti dell'esercito le porta di diritto a infiltrarsi in un altro luogo sacro dell'immaginario maschile: il film di guerra. Demi Moore rasata a zero che fa le flessioni su un braccio solo è un simbolo destinato a suo modo a far epoca... (Il soldato Jane, di Ridley Scott, con Demi Moore, Viggo Mortensen, Anne Brancroft, Jason Beghe, Scott Wilson. USA, 1997. Distr.: Cecchi Gori) Washington, 2 mag. (Adnkronos) - Il generale americano Janis Karpinski, da cui dipendeva la gestione del carcere di Abu Ghraib, dove sono stati commessi gli orribili abusi nei confronti dei prigionieri iracheni da parte dei militari statunitensi, si difende e rilancia: non sapevo nulla delle violenze fino a quando non sono venute alla luce, sono ''nauseata'' dalle immagini delle torture, che sono state incoraggiate dalla Cia. In un'intervista telefonica con il New York Times [General Suggests Abuses at Iraq Jail Were Encouraged: ... Janis Karpinski of the 800th Military Police Brigade, said the special high-security cellblock at the Abu Ghraib prison, west of Baghdad, where the abuses took ...], il primo generale donna nella storia delle Forze armate americane, tornata adesso a fare la consulente privata, sostiene che la cellula di massima sicurezza 1A del carcere di Abu Ghraib era sotto il controllo diretto degli ufficiali dell'intelligence e non dei riservisti. La Karpinski - che, rivela il New Yorker, era stata formalmente ammonita in gennaio e poi sospesa senza troppa pubblicita' dal comando dell'800ma brigata della polizia militare - definisce ''cattiva gente'', che merita di essere punita, i riservisti colpevoli delle torture e degli abusi, ma afferma che loro agivano con l'incoraggiamento, se non agli ordini, delle unita' di intelligence militare che gestivano le unita' di massima sicurezza. Secondo il generale, spesso gli agenti della Cia partecipavano agli interrogatori nella prigione, anche se lei non sapeva se potessero in realta' avere accesso. La Karpinski spiega quindi al quotidiano americano di aver deciso di parlare perche', secondo lei, i vertici militari stanno cercando di dare la colpa di quanto successo esclusivamente a lei e ai militari coinvolti, sviando l'attenzione dalle responsabilita' dell'intelligence. Il generale tiene comunque a ribadire di non avere alcuna intenzione di difendere i riservisti e dice di essere rimasta ''nauseata'' quando vide le prime foto degli abusi: ''Ho abbassato la testa, perche' pensavo che avrei vomitato. E' terribile, la mia prima reazione e' stata: questa e' gente cattiva, perche' le loro facce rivelano quanto piacere provassero nel fare questo''. ''L'affermazione secondo cui ero a conoscenza di tutto questo ed e' continuato pur essendone io a conoscenza e' ben lontana dalla verita'. Non sapevo nulla, sono inorridita'', si difende ancora il generale, osservando che una delle foto che ritrae gli abusi sui prigionieri mostra le gambe di 16 soldati americani e questo dimostra ''chiaramente che altra gente stava partecipando, perche' io non avevo 16 soldati assegnati a quell'unita''' (la 1A). In un rapporto dell'esercito statunitense citato dal 'New Yorker', che e' riuscito ad impossessarsi del documento di 53 pagine, redatto dal generale Antonio M. Taguba lo scorso febbraio e interamente dedicato agli abusi commessi ad Abu Ghraib, si legge che i prigionieri iracheni sono stati sottoposti a numerosi ''abusi sadici, clamorosi e criminali'', tra cui atti di violenza e sodomia, da parte delle truppe americane. Dall'inchiesta di Seymour M. Hersh, pubblicata ieri sulla versione on line del settimanale, e' emerso come Taguba abbia elencato nel periodo tra ottobre e dicembre alcune delle torture denunciate, che consistevano nel versare sui detenuti il liquido fluorescente contenuto nelle luci chimiche o acqua gelata, nel picchiarli selvaggiamente e nel sodomizzarli con manici di scopa. Inoltre, la polizia militare era stata autorizzata a ricucire le ferite provocate dai maltrattamenti nelle celle. Intanto l'esercito britannico ha messo in dubbio l'autenticita' delle foto pubblicate sul 'Daily Mirror' che mostrano alcuni soldati torturare un prigioniero iracheno. Lo riferisce la Bbc, precisando che fonti vicine al reggimento 'Queen's Lancashire' (Qlr) ritengono che alcune immagini siano piuttosto sospette e che potrebbero non essere state scattate in Iraq. (Yahoo! Notizie, Adnkronos) Janis Karpinski ha spiegato di aver deciso di parlare perché ritiene che i comandanti militari stiano cercando di addossare esclusivamente a lei e ai suoi soldati la responsabilità di quanto avvenuto nella prigione, per non coinvolgere ufficiali dell'intelligence ancora operativi in Iraq. "Noi siamo spendibili - ha detto riferendosi all'atteggiamento dei militari nei confronti dei riservisti - Perché dovrebbero volere che il biasimo cada su gente in servizio attivo? Vogliono che la colpa cada sulla polizia militare, sperando che tutto passi". "Beh - ha proseguito - non passerà così". Il generale ha aggiunto che gli ufficiali dell'intelligence militare entravano e uscivano dal blocco di massima sicurezza "24 ore su 24", spesso per scortare i detenuti a un centro di interrogatori all'esterno del carcere, e per riportarli in prigione: "Erano lì alle 2 del mattino, ed erano lì alle quattro del pomeriggio". Non era certo un lavoro da impiegati, "dalle 9 alle 17", il loro, ha commentato. (La Repubblica, 2 maggio 2004) I cattivi soggetti, la CIA... ma nessuno mette in relazione quanto emerge in Iraq con il tipo di addestramento che le forze armate ricevono in USA, UK... e si suppone nell'intera NATO (il film sul soldato Jane ne è un esempio spettacolare)... e nessuno parla della donna Janis Karpinski ... Last September, during a visit by Defense Secretary Donald Rumsfeld, she displayed torture devices used there by Saddam's interrogators. The prison was one of the most notorious in Iraq under Saddam's regime. The acknowledgment that the soldiers did not receive in-depth training on international covenants regarding the handling of prisoners echoes complaints from Army Reserves Staff Sgt. Ivan "Chip" Frederick, one of the six facing court-martial, and his civilian lawyer in Washington, Gary Myers. Charges include dereliction of duty, cruelty and maltreatment, assault and indecent acts with another person. Some military officials privately said that training or no, the U.S. soldiers should have known better. In some photos from the prison, aired first on CBS' "60 Minutes II" and now around the world, two U.S. soldiers standing near the prisoners hammed it up for the camera. One of the photos showed a hooded prisoner standing on a box with wires attached to his hands. CBS reported the prisoner was told that if he fell off the box, he would be electrocuted, although in reality the wires were not connected to a power supply. (Associated Press)




    permalink | inviato da il 2/5/2004 alle 22:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    sfoglia
    aprile   <<  1 | 2  >>   giugno