.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Psicologia e Guerra
1visite.

31 marzo 2004

Dobbiamo divorziare, ma allo stesso tempo anche sposarci

Divorziare dal passato e sposare un nuovo futuro, in cui la gente possa vivere. Normalmente. Lo afferma Simon Peres in un'intervista riportata da informazionecorretta.com segnalata da liberopensiero PaceinPalestina.it analizza un sondaggio sulla società palestinese 31 marzo 2004 La maggioranza dei palestinesi della Cisgiordania e della striscia di Gaza approva gli attacchi contro la popolazione civile israeliana. Almeno secondo i risultati di un sondaggio d'opinioni - condotto prima dell' uccisione del leader di Hamas Ahmed Yassin - pubblicati mercoledì 31 marzo dal quotidiano israeliano Haaretz. Stando al sondaggio, condotto dal Palestinian Center for Policy and Surevy Research, il 53% dei palestinesi sono a favore degli attacchi contro la popolazione israeliana, un aumento del 5% rispetto a un analogo sondaggio condotto lo scorso dicembre. L' 87% approvano inoltre gli attacchi contro soldati e l' 86% contro coloni degli insediamenti. Nella striscia di Gaza il 27% sono favorevoli a Hamas e il 23% a Al Fatah. Ma nella totalità dei Territori (Cisgiordania e Gaza), quest'ultima organizzazione resta ancora maggioritaria col 27% dei consensi rispetto al 20% per Hamas. Da notare tuttavia che il 40% degli interpellati non hanno voluto precisare le loro preferenze. Tutte le forze che si oppongono a Al Fatah ottengono nei Territori il 35% di consensi. Il 73% si sono dichiarati a favore del piano di ritiro e di sgombero degli insediamenti dalla striscia di Gaza del premier Ariel Sharon. Due terzi degli intervistati giudicano il piano una vittoria della lotta armata contro Israele. Il 61% dubitano però che Sharon sia seriamente intenzionato a realizzare il suo piano. Il giornale non ha precisato il margine di errore del campione e la sua ampiezza. Per chi volesse approfondire: http://www.pcpsr.org/survey/polls/2004/p11epressrelease.html




permalink | inviato da il 31/3/2004 alle 9:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

27 marzo 2004

L'arrogante Sharon ed il pio Yassin

Noga Tarnopolsky si interroga sul perchè dello shock causato in Israele dall'eliminazione fisica del mandante di orribili omicidi e stragi. 5 Nissan 5764, Saturday, March 27, 2004 23:55 IST JPost.com » Opinion » Sharon, the arrogant Mar. 27, 2004 22:04 Sharon, the arrogant By NOGA TARNOPOLSKY Many words have been spilled this past week stating the obvious: Sheikh Ahmed Yassin was not a nice man. He may have been pious, in his way. He may have been otherworldly, sainted, somehow. But few are shedding real tears for him. Yassin taunted Israel and the world before and after his 1997 release from jail like an exceptionally well-armed neighborhood bully trying to get away with worse and worse crimes, rarely checking to see if he ever got caught. So the shock at his death, for those who woke up last week to the shock, is principally at the loss of a familiar figure, the evil image we are used to seeing across the way. He'd be the least surprised at his own death. Given the extent of Yassin's crimes, it is difficult to muster up much of an outraged response. Israelis – those in favor of the targeted killing and those opposed to it – have responded principally out of fear of reprisals, as if that is the proper measure by which we should measure the acceptability of this elimination. The look on Prime Minister Ariel Sharon's face on the morning the killing was announced was enough to chill one's blood; it displayed fear, pure and simple. Sharon did not feel moved – or obligated – to provide further insight into the killing, as if offing Hamas's Sheikh Yassin in the Gaza strip were a banality not worthy of serious public pause. Democratically elected leaders, no matter what pressures they face, should not display so cavalier a countenance when it comes to the elimination of their enemies. Trading in the killing of terrorist leaders, especially those considered spiritual leaders, is a serious business. Absent a reflective public explanation of the act, the killing of Yassin risks appearing similar to an obvious, expected mafia hit in an especially bad neighborhood. So what? Who cares about Yassin? The question begs restating: Forget Yassin. Given the volatility of Israel's democracy, how outraged should our response be? On the morning Yassin was hit, the IDF issued a fairly slick e-mailed press release – their new format involves color displays of both the IDF's emblem and the spokesman's badge – alerting us all: "The leader of Hamas terror organization Ahmed Yassin, and his aides, killed in an IDF attack. "The Hamas leadership, led by Yassin, was directly involved in planning directing and launching terror attacks carried out by the organization," the announcement went on to explain. "The Hamas leadership is also responsible for cooperation with the other terror organizations." Well, yes, we knew that. Still, it is more than a little odd to receive this type of advisory over this type of killings. If not addressed with suitable gravitas by our leaders, the elimination of enemies in this way –even the legitimate elimination, in such cases where that is possible – risks becoming just another avoidable aspect of life. So the question should perhaps not be: "Did Yassin deserve it?" but "Do we?" Is this who we want to be? A nation issuing brief and dismissive press releases about just the next elimination ordered by a political caste that feels no need to explain its actions to us? Ahmed Yassin almost certainly deserved his end, but we, the Israeli electorate, deserve considerably better. Someone in this government should be hauled before the cameras to answer the most important question we now face: What do we get out of this? HAMAS HAS without doubt not been eliminated from the Gaza Strip, and it is a stretch to assume that Sharon wishes to strengthen Yasser Arafat's hand by eliminating his potential rival from the area he is about to receive under his control, if indeed Sharon follows through with his announced evacuation from Gaza. If the government sincerely believes Yassin's elimination from the political arena will bring about fewer deaths, they should stand up and say it. So far, Sharon's stance transmits the very shaky "I hope we did the right thing." Israel's left-wing parties lost the last elections – and deserved to – because of what has variously been called Ashkenazi elitist arrogance, autism, and a lost soul, all of which amount to the fact that the Labor party and Meretz did not believe they owed their voters a serious explanation for the failure of Oslo. Sharon seems to have learned the worst lesson in non-accountability from them, leaving us to sit at home at night, many, at least for the next few weeks, afraid to go out, and ponder what, aside from an eruption of spleen, we may have gained from this. The writer is a Jerusalem-based author. © 1995 - 2004 The Jerusalem Post. All rights reserved. About Us | Media Kit | Advertise with Us | Subscribe | Contact Us




permalink | inviato da il 27/3/2004 alle 23:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 marzo 2004

Un sodalizio telematico del terrore

Così scrive Madi Allam (Corriere della Sera, 26 Marzo 2004)) Un proclama telematico annunciò l'11 marzo Nei messaggi sul web c'è il filo che lega le vittime di Madrid con i diplomatici spagnoli uccisi a Bagdad di MAGDI ALLAM Le vie del terrorismo globalizzato transitano, s'incontrano, si alleano e si coniugano in Internet. Basta viaggiare nei siti islamici per fare delle scoperte. Interessanti. Come l'uso, martedì scorso, dello stesso sito http://groups.yahoo.com/group/islamicmedia sia da parte di Hamas che di Al Qaeda per commemorare l'assassinio dello sceicco Yassin. O anche clamorose. Come la diffusione, lo scorso dicembre, tramite lo stesso sito http://aa.1asphost.com/iraq/book.doc , di due messaggi di Al Qaeda e della sedicente Resistenza irachena, che lasciavano entrambi presagire un prossimo attentato in grande stile contro la Spagna. Questo sodalizio telematico del terrore va ben oltre la semplice condivisione di uno strumento informativo e di una politica propagandistica. Di fatto consacra una collaborazione pratica nell'attività terroristica all'insegna della comune battaglia contro gli Stati Uniti e Israele. E delinea chiaramente la volontà di globalizzare Madrid: un poliziotto davanti a un cartello che riporta i nomi delle vittime dell'11 marzo (foto Afp) il più possibile la rete mondiale del terrorismo coinvolgendo tutte le forze estremiste che, al di là del colore della propria ideologia, credono nell'antiamericanismo e nell'antiebraismo. In quest'ambito l'Europa si presenta come la roccaforte del nuovo terrorismo globalizzato. Con il senno del poi la strage di Madrid dell'11 marzo scorso emerge come il battesimo di sangue della nuova strategia del terrorismo globalizzato. Nel «Messaggio al popolo spagnolo», diffuso dalla sedicente Resistenza irachena lo scorso 3 dicembre, si formula questa esplicita e circostanziata minaccia: «Se la scena delle sette spie non è stata sufficiente ad accendere i vostri sentimenti e a indurvi a salvare i vostri figli, ci spingeremo oltre ed accresceremo la nostra resistenza. I battaglioni della resistenza irachena e i loro sostenitori all'estero sono in grado di aumentare il dosaggio. E vi faranno dimenticare la sorte delle spie». Si tratta dei sette agenti dei servizi segreti spagnoli barbaramente trucidati lo scorso 29 novembre a Swaira, 45 km a sud di Bagdad. Ebbene quell'attentato è stato rivendicato da Ansar al Sunna, una sigla che è subentrata a Ansar al Islam, il gruppo terroristico curdo-sunnita legato a Al Qaeda. Significativo è l'uso in un comunicato di stampo laico del termine islamico al ansar, per indicare i «sostenitori all'estero». Al ansar erano le tribù arabe di Medina che si schierarono al fianco del profeta Mohammad (Maometto) dopo la sua fuga dalla città natale della Mecca nel 622. Da qui il significato di «partigiano» e «sostenitore». I nuovi al ansar sono probabilmente i sospetti terroristi autori della strage di Madrid. Sempre nel «Messaggio al popolo spagnolo» si legge: «Se il popolo spagnolo vuole salvare il sangue dei suoi figli, deve ritirarli dall'Iraq ora che sono vivi, prima che noi li rimandiamo cadaveri alle loro famiglie». E ancora: «Consideriamo chiunque aiuti gli americani un nostro nemico. Giudichiamo il governo spagnolo responsabile per la morte di ogni membro delle sue forze, dentro e fuori l'Iraq». La prospettiva di un attentato all'estero è sottolineata anche in un successivo passaggio: «Sarete responsabili di ciò che vi accadrà nella regione e in tutto il mondo. E' tempo che ognuno si assuma le sue responsabilità». L'intreccio mondiale della rete del terrore spicca nell'intervista in inglese concessa da Jabbar al-Kubaysi, leader della sedicente Resistenza irachena, al sito www.antiimperialista.com lo scorso 31 gennaio. Due i passaggi cruciali: «L'occupazione statunitense dell'Iraq è inestricabilmente legata a quella sionista della Palestina. Esiste un unico progetto imperial-sionista per opprimere il popolo arabo, contro cui la nazione araba deve lottare congiuntamente». E inoltre: «L'aggressione e l'occupazione dell'Iraq sono una tappa della grande strategia Usa volta a erigere un impero globale. Quindi la nostra battaglia è parte integrante di quella combattuta per difendere l'umanità dal suo principale nemico, gli Stati Uniti». La conclusione è: «Prenderemo le opportune misure per costruire un fronte arabo e internazionale per la liberazione della Palestina e dell'Iraq, e per sconfiggere l'impero americano». Ebbene è significativo che cinque giorni dopo la diffusione del «Messaggio al popolo spagnolo», lo stesso sito (che oggi risulta oscurato) abbia trasmesso l'8 dicembre scorso il documento programmatico di Al Qaeda «La Jihad in Iraq, speranze e rischi». Di cui il Corriere ha rivelato per primo il passaggio centrale che preannunciava una strage contro gli spagnoli in concomitanza con le elezioni politiche. Sempre Al Qaeda, nel messaggio di cordoglio per l'assassinio dello sceicco Yassin, invita Hamas a «allearsi per battere il vero nemico della nazione islamica, l'America e il serpente ebraico-crociato». Quasi a confermare l'unità di intenti e d'azione tra i militanti laici della sedicente Resistenza irachena e quelli islamici di Al Qaeda. Una realtà che è tangibile nella condivisione di siti che compaiono, spariscono e risuscitano con altri indirizzi. Affidati ad abili esperti telematici in grado di competere con i professionisti della Cia. Tutt'altro che «quattro beduini».




permalink | inviato da il 26/3/2004 alle 15:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

25 marzo 2004

Settanta tra politici, intellettuali e membri di associazioni palestinesi hanno firmato un appello

chiedendo ai gruppi militanti di non vendicare la morte dello sceicco Ahmed Yassin, leader spirituale dell'organizzazione di hamas ucciso in un raid israeliano il 22 marzo scorso. Firmato da Yasser Abed Rabbo, membro del comitato esecutivo dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina, da Abbas Zaki, membro del comitato centrale del partito Fatah, dal governatore di Nablus, Mahmoud Aloul e dal membro del parlamento Hanan Ashrawi, l'appello e' stato pubblicato dal quotidiano 'al Ayyam' di Ramallah e chiede di tornare alla protesta pacifica e lasciare la lotta armata. ''Noi firmatari, politici, intellettuali e membri di gruppi sociali chiediamo alla nostra gente di agire in maniera diversa rispetto quella delle bande di occupazione criminale e di lasciare da parte la vendetta e tornare ad un'Intifada pacifica con l'obiettivo di inviare un chiaro messaggio'', si legge nell'appello. (Pab/Opr/Adnkronos) Ramallah. 25-MAR-04 15:45 Enough Assassination, Enough of the Occupation, Stop the Bloodshed March 25, 2004 By Palestinians from political, intellectual and social institutions We, the undersigned, are Palestinians from various political, intellectual and social institutions, united in our struggle for freedom, emphatically condemn and denounce Israel's blatant aggression and deliberate provocation. The cold-blooded murder of Sheikh Ahmad Yassin and his faithful companions by Sharon and his right-wing extremist government two days ago epitomizes Israel's criminal and insidious behavior. While we assert our people's rights, guaranteed by all international covenants, to defend themselves by all means available and despite being filled with pain at the rising fatalities and continued suffering endured under the occupation, we call upon our people, for the sake of our national interest and in order to bring an end to the occupation, to repress their rage and rise once again in a widespread popular Intifada, that is based on clear goals and constructive rhetoric, with the fate of our people steered by the masses. Such an Intifada would deny Sharon the opportunity to continue unleashing his assault against our people and would hinder his ability to impose his destructive agenda. We call for the resurgence of a well-coordinated and disciplined Intifada, with clear intentions and a political vision. We confirm our commitment to pursuing our just and legitimate demands and rights. We call for uniting ranks on grounds of national unity and a unified leadership that can effectively resist the occupation. Ibrahim al-Hafi, Ibrahim Musalam, Ahmad Jubara (Abu al-Sukkar), Ahmad Haless (Abu Maher), Ahmad Fares, As'ad Odeh, Amin Maqboul, Buthayna Duqmaq, Jad Ishaq, Jamal Dar'awi, Jamal Zaqout, Jamil Rushdi, Jihad Abu Zuneid, George Hazboun, Hassan Dweik, Hanan Ashrawi, Hakam Taleb Thiab, Haidar Awadallah, Khader Ayesh, Khalil al-Ateeri, Dimitri Dilyani, Rihab al-Isawi, Radwan al-Sameri, Riyad al-Malki, Zahirah Kamal, Ziad Hamouri, Suri Nuseibeh, Said Zidani, Salman Jadallah, Sameer Shihadah, Siham Thabet, Suhail Salim Abdel Fatah Salman, Shaher Sa'd, Shafiq Zeidieh, Shukri al-Radaydeh, Salah Hikmat al-Masri, Abbas Zaki, Aballah Hijazi, Abdallah al-Kiwani, Abdallah al-Atiri, Abdel Fatah Hamayel, Abdel Qader Faisal al-Huseini, Arafat al-Hidmi, Azzam al-Ahmad, Izat al-Rasini, Ikrama Tabet, Imad Abu Kishk, Imad Awad, Ali Hasasneh, Anan Atiri, Ghazi Hananiah, Ghassan al-Harami, Ghassan Hananiah, Fathi Salim Yassin Abu Zeid, Fadel Tahboub, Fahed Abu al-Haj, Cairo Arafat, Lusi Nuseibeh, Lily Feidy, Muhammd al-Rimawi, Muhammad al-Sha'bi, Mahmoud al-Aloul, Mahmoud al-labadi, Nasser Yunis, Nayef Sweitat, Nur Eldin Ibrahim Shehadeh, Hashem Abu Lafi, Yasser Abed Rabbo, Yusef Harb, Yusef Aref. Al Oufok, 25 Marzo 2004 http://www.miftah.org/Display.cfm ?DocId=3387&CategoryId=2 Dites NON au terrorisme d'État d'Israël contre le peuple Palestinien Signez et faites signez la pétition à l'adresse : http://www.PetitionOnline.com/nbvcx/


Sull'appello dei 60 (o 70?) ed il ragazzino-bomba, ecco cosa scrive su Il Manifesto Michele Giorgio: Ritorno all'intifada popolare 60 personalità palestinesi, fra cui Hanan Ashrawi e Abed Rabbo, per la resistenza civile Senza più alibi Togliere a Israele ogni pretesto così che si mostri per quello che è. Reazioni controverse. Unanimità invece nel rifiuto della barbarie del baby-kamikaze .... In casa palestinese ha generato incredulità e sgomento la vicenda di Husam Abdo, il 14enne di Nablus che intendeva morire da kamikaze, fermato mercoledì dai soldati israeliani al posto di blocco di Hawara. Non pochi hanno parlato di «fabbricazione israeliana», sulla base anche delle smentite giunte da vari gruppi armati palestinesi. Altri invece hanno accolto con dolore e preoccupazione l'accaduto. Dell'utilizzo di minorenni per azioni armate e di Intifada abbiamo parlato con Ahmed Maslamani, un sociologo e noto esponente della società civile palestinese.
Hussam fa tutto. Ripete la sola cosa che sa per certo, «non voglio morire!», finché la bomba non viene fatta brillare e lui non è portato via. Poteva ammazzare un bel po' di gente, dice il colonnello Guy che l'ha arrestato: «Ha capito però che sarebbero morti più palestinesi che soldati». Per evitargli il carcere, che in Israele è vietato ai minori di 12 anni, amici e parenti hanno provato a farlo passare perfino per un bambino di otto. Hussam è nato il 5 dicembre 1987, da dieci giorni s'era fatto la carta d'identità, in casa dicono che un po' simpatizza per Hamas, un po' ha manifestato col Fronte di liberazione della Palestina, ma soprattutto è uno sciocco manipolato. Il Corriere della Sera, 25 Marzo 2004




permalink | inviato da il 25/3/2004 alle 19:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

25 marzo 2004

L'ex responsabile del controspionaggio dell'amministrazione Bush avvisò

UNA SETTIMANA PRIMA DEGLI ATTENTATI DELL'11 SETTEMBRE del rischio di un attentato terroristico che avrebbe potuto uccidere centinaia di americani, ma oggi ha detto che il presidente non considerò il terrorismo una questione urgente. WASHINGTON (Reuters, 24 Mar 2004 22:03) la Rice fu messa personalmente in guardia poco prima dell'11/09 che continuare a sottovalutare il pericolo di un attentato di al Qaeda avrebbe rischiato di provocare «centinaia di americani morti in patria e all'estero». Panorama: 25-03-2004, Psicodramma Americano [Richard Clarke] ha chiesto scusa ai familiari delle vittime per il fallimento dell'11 settembre 2001, se ne è assunto parte della responsabilità ... Clarke ha detto di essere stato preso «per pazzo» molte volte, nel corso degli anni, quando ha chiesto maggiori difese aeree sopra Washington o quando ordinò l'immediata protezione dei cieli di Atlanta nel 1996, all'ultimo minuto prima dell'inizio delle Olimpiadi, per il timore di attacchi dai cieli. «Mi chiedevano perchè ero cosi' ossessionato con Al Qaida», ha detto Clarke, che ha aperto la sua deposizione chiedendo scusa, con voce leggermente incrinata, alle famiglie delle vittime, «perchè il vostro governo ha fallito e io ho fallito».




permalink | inviato da il 25/3/2004 alle 18:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

25 marzo 2004

Ma li avete visti

(qualche sera fa su RAI3) i campi di addestramento per bambini organizzati da Hamas ? dove bimbi dai 5-6 anni in su giocano al piccolo 'kamikaze' ????? Chi ha finanziato per anni quei 'centri umanitari' ? ISRAELE (o meglio i suoi governanti) e la UE Chi ha distrutto ogni altra prospettiva, compresa quella democratica (anche se magari in senso leninista e non weberiano) e laica e antirazzista di Al Fatah, utilizzando per demolirla (polizia inclusa) proprio Hamas ed il suo profeta Yassin, liberato ALL'UOPO nel 1997 ???????????????????????????????? In risposta ad Anonymous: "Quel ragazzino di ieri viveva con la madre in un campo profughi, dove era anche nato, mi spieghi che tipo di educazione puo' aver ricevuto quel bambino e migliaia di altri come lui? Chi ha creato questi mostri? inviato il 25.03.2004 14:02:36" 3-4 generazioni di guerra, e di indottrinamento centrato sull'odio, sempre più spostato dalla lotta per il ritorno e l'indipendenza a quella per la rivoluzione proletaria, all'immolazione per obbedienza ai maestri coranici il tutto con l'approvazione, il finanziamento, l'attiva collaborazione dell'altra parte inviato il 25.03.2004 17:13:30 a BlogTrotter, Tempi Difficili




permalink | inviato da il 25/3/2004 alle 17:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 marzo 2004

Di quel bambino dovrà rispondere Sharon

e di quelli che seguiranno: NABLUS - Un ragazzo di quattordici anni che indossava un corpetto esplosivo pronto per l'uso è stato fermato al posto di blocco di Hawara, presso Nablus in Cisgiordania. Lo ha riferito la radio militare. L'emittente ha aggiunto che l'ordigno è stato neutralizzato da artificieri dell'esercito. "Era deciso ad immolarsi fra i soldati" ha riferito una fonte militare israeliana. Il bambino kamikaze bloccato "si è lanciato contro i soldati", riferisce il quotidiano israeliano Yediot Ahronot nel suo sito online Ynet. Quando i militari hanno fermato il bambino-kamikaze, aggiunge il sito, si sono accorti che indossava un corpetto. L'ordigno è stato rimosso con grande circospezione e neutralizzato. La zona dell'incidente è stata isolata. Secondo le prime informazione, dietro all'attentato sventato ci sarebbero le Brigate dei martiri di al-Aqsa, il gruppo armato oltranzista vicino ad al-Fatah. Una settimana fa, nello stesso posto di blocco, era stato fermato un bambino che trasportava un corpetto esplosivo in una borsa. (24 marzo 2004) (La Repubblica) Da BlogTrotter (Commenti) Anonymous: Quando capire te che continuate a chiaccherare di diritti, libertà e soprusi come fate voi, non è altro che produrre rumore??? Se non riuscite a capire che C'E' DIFFERENZA fra la cultura occidentale (quindi anche Israele) ed il resto, non potete far altro che continuare a vaneggiare. Questa è una guerra di civiltà. Speriamo di vincerla. P.S... considerato che i musulmani non sono TUTTI cosi cattivi.... avete mai sentito gridare, urlare, proclamare...da qualsiasi dei loro "capi" religiosi CHE IL CORANO NON DICE CHE IMMOLANDOSI CON UNA BOMBA CONTRO I CIVILI si raggiunge il PARADISO??? Avete mai sentito dire da Tutttttiiii i musulmani buoni che tagliare le gole ad intere famiglie è un GRAVE PECCATO ??? Io no. inviato il 24.03.2004 15:28:08 Candide: di quel bambino dopo l'assassinio di Yassinm CHI SI FARA' CARICO ??? Sharon il 22 marzo 2004 ha segnato un irreversibile punto di non ritorno qui non è più (soltanto) Sabra e Chatila Sharon si è assunto esplicitamente anche la responsabilità per quel bambino e altri che lo seguiranno, alimentando e fomentando il suo odio ALMENO QUESTO E' CHIARO ???????????????? inviato il 24.03.2004 15:32:51 Avnery ha definito STUPIDO l'assassinio di Yassin ed i criminali sono appunto, di regola, criminalmente stupidi inviato il 24.03.2004 15:42:51 Il servizio che Sharon, colpendo 'audacemente' con 3 missili da un elicottero un vecchio cieco tetraplegico (e non poliomielitico, ma da trauma, all'età di 10 anni) che per anni aveva finanziato che Israele aveva arrestato, processato e CONDANNATO ALL'ERGASTOLO che era stato in seguito liberato in cambio di 6 agenti del Mossad chiamando a correo gli ebrei di tutto il mondo (e non solo gli Israeliani) E' DI AVER RESO - DAL 22 MARZO 2004 - TOTALMENTE NON CREDIBILE SE STESSO E I SUOI COMPLICI compresi i vari Anonymous e Multi Nick che qui ancora si affannano a istruirci su cosa è stato il nazismo e l'antisemitismo MERDA, MERDA, MERDA qualcuno si ostina a spargere in questo blog dal primo giorno in cui Coen l'ha aperto. CERTO! GUERRA = MORTE = MERDA Ma dal 22 Marzo 2004 sapete a chi rivolgerla, a chi indirizzarla, a chi attribuirla, tutta la vostra (sempre che di più di un nick si tratti) merda. Non è in dubbio la vostra buona fede (che è sempre indecidibile, e sarebbe arbitrario negarvi) ma se oltre a buttar fuori quella merda, non volete sentirvi voi stessi merda, siete ancora in tempo, e vi troverete in buona compagnia Se invece insistete ad appiattirvi sulle scelte stupide e criminali di Sharon, non potrete che sentirvi (non arrivo a dire essere) davvero corresponsabili di quei crimini e di quelli da essi evocati: di quel bambino, di quei bambini, che sono NOSTRI BAMBINI, DI TUTTI NOI, dovrete rispondere, eccome se dovrete, almeno alla vostra coscienza, sempre che ne abbiate una. inviato il 24.03.2004 16:37:53 Fiamma NIrenstein chiedeva ieri sera a Nemer Ammad come mai ogni volta che le trattative internazionali arrivavano ad un punto di possibile accordo... arrivava l'attentato terroristico Sharon, il 22 marzo 2004, ha dato la risposta, chiarissima e inequivocabile Quelle trattative NON DOVEVANO ANDARE IN PORTO, non importa se per ottenere quell'obiettivo avrebbe dovuto stringere un patto col diavolo Yassin, e vendergli un bel po' di anime anche del proprio popolo, e aggiungerle all'olocausto della Shoah inviato il 24.03.2004 16:44:08 IL SIONISMO E' MORTO, LO HA UCCISO SHARON INSIEME A YASSIN inviato il 24.03.2004 16:49:39 Il Sionismo è stato un ideale, politico, sociale, nazionale, umanitario, liberatorio, di riscatto per il bimillenario esodo e la bimillenaria persecuzione contro gli Ebrei, di affermazione della Memoria di quel bimillenario, dell'intera storia ebraica, della Shoah, della Promessa fatta da D-o a Mosè sul Monte Sinai. Con l'assassinio di Yassin, a coronamento di tutto ciò che lo precede da parte dell'attuale e di precedenti governi dello Stato di Israele, è stato assassinato. Nessuno più al mondo dopo il 22 marzo 2004 potrà prestar fede a chi se ne proclama paladino in quanto seguace di Sharon. L'orrendo sigillo è stato posto sui resti di quella carrozzina da invalido. "Anonymous Candide non ti dimenticare dei bambini israeliani ammazzati, quelli saranno stati almeno innocenti spero inviato il 24.03.2004 16:58:31" eh già, perchè i bambini non ebrei di 8-12 anni caricati a 'kamikaze' non lo sono, vero? non ebrei ... ma anche ebrei, israeliani e non israeliani: tutti messi in conto al Satana Yassin, con cui Sharon ha stretto per anni l'infame patto, e con lui chi lo sostiene inviato il 24.03.2004 17:33:46 Anonymous: centinaia di studenti ebrei-israeliani e arabo-israeliani dell´università di gerusalemme hanno insieme dato il via ad una dimostrazione con slogan come:"sharon liquida la nostra sicurezza"."pace si occupazione no"."israele e palestina due stati due popoli".bello no...?che ne dite? inviato il 24.03.2004 17:49:42 Molto bello !!!!


E mercoledì, 24 marzo 2004, arriva anche Leonardo Coen, Occhio per occhio, dente per dente Si trova a Praga, per servizio. Città di grandi suggestioni. E di antiche leggende. Come quella della spada di San Venceslao che si dice sia infissa nella muratura del ponte di san Carlo. Nessuno sa dove sia. Però, se in Boemia le cose volgessero al peggio, così si racconta, a rimettere tutto in ordine ci penserà San Venceslao, alla testa dei cavalieri di Blanik: raggiungerà il ponte, il suo cavallo urterà una pietra, la pietra si rovescerà. e sotto apparirà la gloriosa spada e San Venceslao la agiterà tre volte sull'elmo e griderà: "A tutti i nemici giù le teste!". E d'un colpo tutti i nemici della terra boema perderanno la testa, mozzata dalla spada invincibile dell'implacabile San Venceslao e "la terra di Boemia vivrà in tranquillità e in pace per tutti i secoli dei secoli". San Venceslao come Sharon?




permalink | inviato da il 24/3/2004 alle 16:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

24 marzo 2004

Nelle condizioni in cui vivono gli Israeliani

non sarebbe meglio enfatizzare il 32 per cento degli interpellati contrario all'eliminazione del leader spirituale di Hamas ed il 57 per cento degli intervistati che NON appoggerebbe un omicidio mirato anche contro il presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese, Yasser Arafat ? L’opinione pubblica israeliana non sembra tuttavia essere condizionata dalle reazioni negative che ha suscitato l’attacco in tutto il mondo. Da un sondaggio commissionato da Yedioth Ahronoth, il quotidiano israeliano più diffuso, risulta che solo il 32 per cento degli interpellati è contrario all'eliminazione del leader spirituale di Hamas. In un diverso sondaggio, i cui risultati sono stati pubblicati sul quotidiano indipendente Maariv, risulta che il 43 per cento degli intervistati appoggerebbe un omicidio mirato anche contro il presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese, Yasser Arafat. (Pace in Palestina, 24 Marzo 2004)




permalink | inviato da il 24/3/2004 alle 11:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 marzo 2004

Yassin, Bush, Sharon, Bin Laden hanno condotto e conducono battaglie etiche

e di etica si dovrebbe iniziare a parlare. Scrive alzatacolpugno: "Yassin non mi mancherà di certo. Il vecchio leader di Hamas - leggi, capo di un'organizzazione terroristica - mi ha sempre fatto pensare a quegli insegnamenti assurdi di una religione cattolica-bigotta (e per questo fuori anche dal reale spirito religioso) che indicavano i 'segnati da dio' come malvagi senza - o quasi - possibilità di redenzione." insegnamenti assurdi religione bigotta allora su questo io inviterei a riflettere: oltre alla categoria dell'economico-politico, oltre a quella dell'ideologico-filosofico, c'è la categoria della morale, dell'etica (nonostantechè Nietzsche ci abbia già indicato la via oltre il bene e il male, nonostante Schopenhauer e Kant) Qual'è l'etica di Bush ? quale quella di Sharon ? quale quella di Bin Laden ? quale quella di Yassin ? quale quella di Woytila ? quale quella di Berlusconi ? io vedo delle gerarchie di 'severità': il pensiero islamico (Ayatollah, Bin Laden, Yassin) esprime oggi il massimo di 'rigore etico', di assoluta prevalenza dell'etica su tutto il resto, economia, politica, vita incluse: piuttosto la morte il pensiero ebraico (così come quello cattolico) contemporanei sono molto più sfaccettati e variegati, ma il pensiero etico cristiano 'fondamentalista' cerca vanamente di recuperare un analogo rigore, dovendo però fare i conti con la modernità il pensiero ebraico, la sua etica così come trasmessa al mondo anche dei non ebrei da Buber, Freud, Canetti... Primo Levi ed anche da politici attivi nella storia del sionismo fine '800 - primi '900, è un pensiero alto, rigorista a suo modo perchè ha restituito al mondo, ancor prima della Shoah, l'idea della responsabilità personale, della non 'riducibilità' del cosiddetto perdono ad atti o gesti di 'buona volontà', della 'necessità umana di errare' - per cui 'peccare' è la condizione umana e non un'anomalia del comportamento umano, ma la sua regola. Ma quella stessa etica, ripassata in salsa neocon, è diventata e sta diventando 'ultra-rigorista': la vendetta da 'possibilità' diventa 'legittima difesa'; la non vendetta diventa vigliaccheria e tradimento... si rasenta l'etica mafiosa, per cui chi non ci sta o si tira fuori è un 'infame', tout court Questa etica israeliana (Yassin parlava di uno stato - Israele - in cui 'cittadino' e 'soldato' non si distingono più) militante si pone come concorrenziale rispetto a quella ancora (per poco?) più assolutistica islamica (non siamo ancora ai terroristi suicidi israeliani... ma l'assassinio di ieri di fatto 'candida' non solo - nelle parole di Sharon - tutti gli israeliani, ma tutti gli ebrei del mondo al 'martirio' per la causa...) Noi, io, sono per un'etica laica, possibilmente una non-etica (se per etica si intende un sistema chiuso di 'valori' che prevedono premi e punizioni, che in base a quelli si 'giocano' vita e morte, senza discussioni) Concludo dicendo che a mio avviso è tempo che questi modelli etici vengano impietosamente ma anche intelligentemente analizzati, tenendo certo anche nel giusto conto il 'rovescio della medaglia' (ovvero a chi e a cosa 'servono', in termini di equilibri locali e globali, quali interessi materiali coprono, difendono, si prefiggono)




permalink | inviato da il 23/3/2004 alle 11:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

23 marzo 2004

e del resto quale forza

ci vuole per colpire un vecchio cieco tetraplegico dall'età di 10 anni ? Non conosco esattamente le condizioni di Yassin fino a ieri, e come abbia resistito per 53 anni alle difficoltà, sensoriali, motorie, neurovegetative, respiratorie, sessuali, ed ai dolori che la sua invalidità comportava. Ignoro i dettagli: quale reato puo' aver mai materialmente commesso se - letteralmente - non poteva muovere un dito? Colpendo lui è stata in sostanza COLPITA LA PAROLA, l'unica funzione corporea evidentemente non compromessa, e da chi? da un 'maestro della parola', la stessa biblica parola alla fonte della vendetta di Sharon e dell'odio di Yassin per i sionisti. Ma SI PUO' UCCIDERE LA PAROLA ? Si puo' uccidere il pensiero che quella parola generava? Credere di poterlo (legittimamente, per di più) fare è il segnale più preoccupante che l'intera 'operazione di liquidazione' di Yassin trasmette, non solo alle masse islamiche, ma al mondo. Un mondo in cui terrorismi speculari pretendono di azzerare il pensiero liquidando chi quel pensiero esprime con parole. QUESTA è la tragica riedizione del NAZISMO, da qualunque parte provenga. Incluso il razzismo omicida, perchè legare 'carne e sangue' a 'idee e parole' significa perpetuare l'infame nesso tra 'cultura' e 'genetica', significa ancora una volta 'reificare', 'cosificare' il pensiero, ridurlo a sangue e cromosomi, a popoli e razze. Scrive alzataconpugno Quando la realtà supera la fantasia/1 Yassin non mi mancherà di certo. Il vecchio leader di Hamas - leggi, capo di un'organizzazione terroristica - mi ha sempre fatto pensare a quegli insegnamenti assurdi di una religione cattolica-bigotta (e per questo fuori anche dal reale spirito religioso) che indicavano i 'segnati da dio' come malvagi senza - o quasi - possibilità di redenzione. Alla fine, temo, mancherà di più a Sharon che, non so con quanta consapevolezza, lo ha trasformato in un martire da venerare e 'onorare' (che espressione terribile) con nuovi attentati. La spirale della violenza è lungi dall'essere interrotta.




permalink | inviato da il 23/3/2004 alle 10:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio   <<  1 | 2  >>   aprile