.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Chi è chi
1visite.

21 aprile 2004

Nucleare? No grazie. Oggi libero Vanunu, ma non di rivelare segreti

Israele : Mordechai Vanunu libero ma condizionato di red Pacifisti e sostenitori della lotta al nucleare, fra cui attori, politici e premi Nobel per la pace, stanno volando in queste ore verso Israele per accoglierlo all'uscita dal carcere, anche se non sono sicuri di poterglisi avvicinare, causa le restrizioni cui sara' sottoposto. Mordechai Vanunu, l'ex tecnico nucleare israeliano, spia e traditore per alcuni, vittima delle persecuzioni di uno stato illiberale per altri, da oggi sara' infatti ufficialmente un uomo libero. Incarcerato per diciott'anni con l'accusa di aver rivelato segreti nucleari dello Stato d'Israele, Vanunu anche dopo la scarcerazione non potra' varcare la frontiera, ne' comunicare in alcun modo con stranieri. Le autorità israeliane accusano infatti Vanunu di essere ancora una minaccia per la sicurezza nazionale. Egli forni' nel 1986 al giornale britannico Sunday Times una descrizione e alcune foto della centrale nucleare di Dimona, nel Neghev, dove aveva lavorato nove anni come tecnico. Grazie a quelle foto furono svelati i retroscena sugli armamenti nucleari di Israele. Prelevato a Roma da agenti del Mossad, Vanunu fu processato in Israele. Ha trascorso 12 anni (i due terzi della condanna) in isolamento, triste record per il quale e' stato inserito nel Guinness dei primati nel 1998. Vanunu respinge l'epiteto di traditore, considerandosi un obiettore di coscienza e un pacifista. by www.osservatoriosullalegalita.org "Malgrado tutto quello che è stato pubblicato niente è cambiato", ha commentato. E riferendosi al reattore iracheno bombardato dagli israeliani nel 1981 ha aggiunto che "come è stato distrutto il reattore nucleare iracheno, voglio sia distrutto quello israeliano". [ma vedi qui sotto l'articolo del Jerusalem Post, dove si sostiene che Vanunu si oppose pubblicamente al bombardamento del reattore irakeno da parte degli Israeliani] Vanunu (che si è convertito al cristianesimo) ha affermato che non vi è bisogno di uno stato ebraico, e che si potrebbe costituire al suo posto uno stato palestinese dove potrebbero vivere anche gli ebrei. (La Repubblica, 20 Aprile 2004) ASHKELON, Israel (Reuters, Wed Apr 21, 2004) Israel's Vanunu Says Has No More Secrets - Israeli nuclear whistleblower Mordechai Vanunu said he was proud of what he had done and had no more secrets to reveal on Wednesday at the end of an 18-year jail term for treason. Vanunu said he had suffered "cruel and barbaric treatment" at the hands of Israel's security services. He said Israel did not need nuclear weapons and he called for international inspection of its Dimona reactor. "I am proud and happy to do what I did. I am very glad that I succeeded to do what I did. I don't have any secrets...since the article was published there are no more secrets," he said in a statement at the gates of Ashkelon prison. "Israel doesn't need nuclear arms, especially now that all the Middle East is free from nuclear arms... My message today to all the world is open the Dimona reactor for inspections," he said. © Reuters 2004. All Rights Reserved. Jerusalem Post Apr. 20, 2004 23:53 | Updated Apr. 21, 2004 1:20 Vanunu's release Among the many things said about Mordechai Vanunu, the Israeli due to be released from prison today after serving his 18-year sentence for revealing the country's nuclear secrets, is that he is a champion of the anti-nuclear cause. Not so. In 1981, Vanunu, with Arab activists, protested against Israel's destruction of Iraq's Osirak reactor. Vanunu, then, wasn't against the bomb outright. He apparently approved of it in Arab hands. Indeed, for years prior to Vanunu's arrest and trial, he was a pro-Arab extremist to the point that Hebrew University students and staff, who knew he was employed at the Dimona reactor, wondered how such a person could be allowed near the nation's most secure facility. This was the first, most easily preventable, and most egregious error of the entire affair. Today, Vanunu has become the stuff of legend, at least to some people. He has been nominated for a Nobel Peace Prize. There is a US "Campaign to Free Mordechai Vanunu." He was the subject – indeed, the hero – of a BBC Panorama documentary that aired last summer. Upon his release he will be greeted by a coterie of high-profile admirers, including Irish Nobelist Mairead Maguire, British MPs Jeremy Corbyn and Colin Breed, and Bruce Kent of Britain's Campaign for Nuclear Disarmament. Letters of support from actress Emma Thompson and playwright Harold Pinter will be read aloud. Ostensibly, Vanunu owes his fame to what he stands for: nuclear disarmament, freedom of information, human rights. In fact, it is owed mainly to what he stands against. "I am against Israel," he is reported to have told the Shin Bet. "I am against your state." It would be interesting to know how many of Vanunu's supporters share this sentiment. In Israel, Vanunu gets little sympathy, even from the Left. Shimon Peres, who was prime minister when Vanunu was seized and tried in 1986, is blunt: "Vanunu violated norms and betrayed his country," he told Army Radio. "This is justice." In an editorial, Haaretz accuses him of "seriously harming state security." Yossi Sarid, the former leader of Meretz, describes him as a pathetic, mentally disturbed man. His advice is to ignore Vanunu to allow the current media feeding frenzy to die with a whimper. We wish we could be as sanguine that Vanunu will disappear from public view. More likely, he will become a handy tool for anti-Israel campaigners, particularly if he is allowed to leave Israel in a year. The cumulative damage he will continue to do to Israel as a propagandist will considerably exceed the damage he caused as a spy. That said, we do not mean to suggest that Vanunu should be forbidden to leave a country he no longer recognizes as his own. On the contrary, this was a right he ought to have exercised long before he chose to betray Israel's secrets and must be allowed to soon exercise again. Vanunu may remain a threat, but that consideration ought to have been taken account during his sentencing in 1986. Now his sentence has been served and his rights must be respected. In this regard, the decision by the government not to place Vanunu in administrative detention is correct. Indeed, it is this very fact that most powerfully gives the lie to the arguments of Vanunu's defenders. An Israel that gratuitously violated the rights of its citizens would not have sentenced him to a fixed term and then released him, proud and by all appearances healthy, when his time came. Much less would it have countenanced the celebration that will be held today in his honor. In the very act of letting him go free, Israel proves wrong Vanunu's contentions about the State of Israel. We do not expect Vanunu or his defenders to take this into account. These are people who are beyond persuasion, animated by rage and undisturbed by fact. But as they make the moral case against Israel, Israel will make the moral case for itself. We trust that fair-minded observers will draw the obvious conclusion. In the case of Vanunu, justice has been served and will sooner or later be recognized.




permalink | inviato da il 21/4/2004 alle 11:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

21 aprile 2004

Un fatto nuovo un fatto nuovo un fatto nuovo

Piazza di Spagna splendida giornata/ traffico lento la città ingorgata/ e quanta gente quanta che ce n'era/cartelli in alto tutti si gridava/ "No alla scuola dei padroni/via il governo dimissioni" eeh E mi guardavi tu con occhi stanchi/mentr'eravamo ancora lì davanti/ ma se i sorrisi tuoi sembrava spenti/ c'erano cose certo più importanti/ "No alla scuola dei padroni/ via il governo dimissioni" eeh Undici e un quarto avanti a Architettura/ non c'era ancor ragion di aver paura/ ed eravamo veramente in tanti/ e i poliziotti in faccia agli studenti/ "No alla scuola dei padroni/ via il governo dimissioni" eeh Hanno impugnato i manganelli/ ed han picchiato come fanno sempre loro/ e all'improvviso è poi successo/ un fatto nuovo un fatto nuovo un fatto nuovo/ non siam scappati più/ non siam scappati più Il primo marzo sì me lo rammento/ saremo stati mille e cinquecento/ e caricava giù la polizia/ ma gli studenti la caccia van via/ "No alla scuola dei padroni/ via il governo dimissioni" eeh E mi guardavi tu con occhi stanchi/ ma c'eran cose certo più importanti/ -Ma qui che fai ma vattene un po'/ via non vedi arriva giù la polizia-/ "No alla scuola dei padroni/ via il governo dimissioni" eeh Le camionette i celerini/ ci hanno dispersi presi in molti e poi picchiati/ ma sia ben chiaro che si sapeva/ che non è vero che non è finita là/ non siam scappati più/ non siam scappati più Il primo marzo sì me lo rammento/ saremo stati mille e cinquecento/ e caricava giù la polizia/ ma gli studenti la cacciavan via/ "No alla scuola dei padroni/ via il governo dimissioni" eeh "No alla classe dei padroni/ non mettiamo condizioni" NO! Paolo Pietrangeli: Valle Giulia Mi è venuta in mente questa canzone leggendo l'ultimo capoverso di quello che scrive esperimento L'anniversario di ieri: Ieri in Israele è stato celebrato "Yom ha Shoà" il giorno della Shoà. Ma perché è stato scelto proprio questo giorno? Nel 1951 la Kneset il Parlamento israeliano si pose il problema quale dovesse essere l'evento su cui basare la ricorrenza. Cos'era più importante, la Kristallnacht - la Notte dei Cristalli del 1938 - o l'inizio della seconda guerra mondiale, nel 1939? Oppure la conferenza di Wansee in cui i gerachi nazisti decisero a tavolino di sterminare totalmente la popolazione ebraica mondiale, o l'inizio del funzionamento delle camere a gas? O ancora l'istituzione dei ghetti o la loro distruzione? O, come avrebbe fatto l'Europa dopo tanti anni, l'apertura dei cancelli di Auschwitz da parte delle truppe sovietiche? Nessuna di queste date era importante, i parlamentari decisero alla fine, come l'inizio della rivolta del ghetto di Varsavia. Quel giorno, 62 anni fa i giovani ebrei rinchiusi, stremati dalla fame e dalle angherie dei nazisti, quei pochissimi che non erano ancora stati deportati cercarono di affrontare alla meno peggio il ponderoso esercito nazista. Quasi nessuno di loro sopravvisse, molti caddero subito, altri furono uccisi o deportati. Quel giorno segnò la prima rivolta ebraica, dopo 2000 anni di persecuzioni, dai tempi dell'occupazione romana di Israele. Quel giorno doveva essere il simbolo da ricordare nel neonato Stato di Israele, poiché gli ebrei avevano deciso di difendersi. Ieri sannita scriveva: Yom Ha-Shoah In Israele oggi è suonata una sirena. Una sirena il cui suono entra nella carne e nel cervello, una sirena che fa fermare un Paese intero e che porta con sé il ricordo di luoghi terribili, il cui nome resterà nella Storia, marchiato a fuoco nell’infamia. Auschwitz Maidenek Treblinka Buchenwald Mauthausen Beize Sobibor Chelmno Ponary Theresienstadt Warsaw Vilne Skarzysko Bergen-Belsen Janow Dora Neuengamme Pustkow Delle ... E oiraid Il giorno dell'Olocausto: 19 aprile In Israele e' oggi il Giorno dell'Olocausto, dedicato ai sei milioni di ebrei uccisi nei campi di sterminio nazisti. Il clima nel paese e' percio' di lutto. Alle dieci si e' sentito per due minuti l'ululato delle sirene e tutte le attivita' si sono fermate. La ricorrenza e' cominciata ieri sera con una solenne cerimonia al Museo dell'Olocausto in presenza delle massime cariche dello stato. Il presidente Katzav ha ammonito che in Europa si sta risvegliando l'antisemitismo. Lo dice a ragion veduta. Inutile negare che lo stato di guerra permanente in Medio Oriente e la disastrosa campagna militare irakena aggreghino le irrazionali motivazioni dei beceri e ingiustificabili atteggiament anti sionisti e anti semiti. Oggi, senza polemiche, in lutto è tutto l'Occidente democratico e anche quella parte del mondo non ascrivibile a questa meta categoria della politica che rifiuta l'odio razziale, il sistema della discriminazione legale, la banalità del male. Considero Israele uno Stato come gli altri, ma anche l'unica democrazia in quell'aria martoriata dallo sfruttamento delle risorse tra i più ingiusti del pianeta, sia per la redistribuzione interna delle risorse, che per effetto dei rapporti internazionali. Penso anche che verso quel popolo il nostro debito sia inestinguibile, a perenne memoria delle nostre tare e ignominie. Senza alcuna auto-censura auguro oggi agli israeliani e agli ebrei di tutto il mondo la stessa forza che ebbero nel sopravvivere con dignità alle sciagure della Storia, per uscire dalla spirale di terrore in cui sono immersi, senza commettere errori e orrori.




permalink | inviato da il 21/4/2004 alle 10:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 aprile 2004

Attenti alla trappola Bagdad, parola di Sir Thomas E. Lawrence

Uno scritto del leggendario eroe britannico sulla disatrosa campagna irachena negli anni Venti La lezione di Lawrence d'Arabia "Attenti alla trappola Bagdad" di THOMAS EDWARD LAWRENCE Lawrence di ArabiaQuesto articolo di Thomas Edward Lawrence, meglio noto come Lawrence d'Arabia, è stato pubblicato dal britannico Sunday Times il 2 agosto del 1920 Il popolo inglese è stato portato in Mesopotamia in una trappola, dalla quale sarà assai difficile uscire con dignità e onore. Gli inglesi sono stati indotti ad andare da una costante mancanza di informazioni. I comunicati provenienti da Bagdad sono tardivi, fallaci e incompleti. Le cose sono andate molto peggio di come sono state riferite, e la nostra amministrazione è stata molto più sanguinaria e inetta di quanto l'opinione pubblica abbia appreso. Per il nostro primato di impero si tratta di una sventura che presto potrebbe diventare troppo incandescente perché sia possibile rimediarvi. Non siamo troppo lontani, ormai, dal disastro. Le colpe della commissione sono quelle delle autorità civili inglesi in Mesopotamia, alle quali da Londra è stata data carta bianca. Nessun dipartimento di Stato li sorveglia: soltanto il vuoto che divide il Foreign Office dall'India Office. Si sono approfittati della circospezione necessaria in tempo di guerra per estendere la loro rovinosa indipendenza al tempo di pace. Contestano ogni ipotesi di autogoverno fatta loro pervenire dalla patria. Le "Carte sull'autodeterminazione" favorevoli all'Inghilterra furono estorte in Mesopotamia nel 1919 per le pressioni ufficiali, per le azioni dimostrative dagli aeroplani, e per le deportazioni in India. Il governo non può esimersi dalle sue responsabilità. Riceve poche notizie in più dell'opinione pubblica: avrebbe dovuto insistere per riceverne di più e di migliori. Ha spedito bozze e piani di rafforzamento, una dopo l'altra, senza mai svolgere indagini. Quando la situazione è diventata troppo difficile per continuare a resistere più a lungo, ha deciso di inviare come Alto commissario l'autore stesso del presente sistema, che portava agli arabi un messaggio conciliatorio nel quale diceva che il suo pensiero e la sua politica erano completamente mutati (n. d. r. Sir Percy Cox tornò in qualità di Alto commissario incaricato di formare un nuovo governo). Eppure la nostra politica non è cambiata: c'è stata una deplorevole difformità tra quanto abbiamo professato e quanto abbiamo messo in pratica. Dicemmo che andavamo in Mesopotamia per sconfiggere la Turchia. Dicemmo che saremmo rimasti per liberare gli arabi dall'oppressione del governo turco, e per rendere disponibili al mondo le sue risorse di mais e olio. A questo fine abbiamo investito circa milione di uomini e quasi un miliardo di sterline. Quest'anno per questi stessi scopi investiremo 92.000 uomini e cinquanta milioni. Il nostro governo è peggiore del sistema turco di una volta. Loro mantennero 14.000 soldati di leva locali e mantenendo la pace uccisero una media annuale di duecento arabi. Noi abbiamo 90.000 uomini con aeroplani, carri armati, cannoniere, e treni blindati. Abbiamo ucciso circa 10.000 arabi nel corso dell'insurrezione di quest'estate. Non possiamo sperare di mantenere una simile media. Ci è stato detto che l'insurrezione ha motivazioni politiche, ma non ci è stato detto che cosa voglia la gente del posto. Forse quello che il governo ha promesso. Un ministro della camera dei Lord ha detto che dobbiamo avere così tanti soldati perché i locali non si arruoleranno. Venerdì il governo ha annunciato la morte di alcune reclute che difendevano gli ufficiali inglesi, e ha detto che il servizio prestato da quegli uomini non è stato adeguatamente riconosciuto perché sono troppo pochi: sono 7.000, la metà esatta della forza turca di occupazione di un tempo. Adeguatamente addestrati e ben assegnati costoro potrebbero subentrare alla metà del nostro esercito qui dispiegato. Cromer tenne sotto controllo sei milioni di egiziani con 5.000 soldati; il colonnello Wilson non riesce a tenere sotto controllo i tre milioni di abitanti della Mesopotamia con 90.000 soldati. Non abbiamo ancora raggiunto il limite del nostro dispiegamento militare. Quattro settimane fa lo staff in Mesopotamia stilò un memorandum nel quale chiedeva quattro divisioni in più. Credo che tale memorandum sia stato inoltrato al dipartimento di Guerra, che ha inviato tre brigate dall'India. Se la frontiera nord-occidentale non può essere ulteriormente sguarnita di uomini, da dove potranno arrivare gli uomini che servono a stabilizzare il paese? Nel frattempo le nostre sventurate truppe, indiane e inglesi, in avverse condizioni climatiche e di approvvigionamento pattugliano un territorio immenso, pagando quotidianamente un caro prezzo in termini di vite umane per la politica ostinatamente sbagliata dell'amministrazione civile di Bagdad. Il generale Dyer è stato sollevato dal comando in India per un errore molto più modesto, ma in questo caso la responsabilità non è dell'esercito, che ha agito soltanto su esplicita richiesta delle autorità civili. Il dipartimento di Guerra ha fatto tutto il possibile per ridurre le nostre forze, ma le decisioni del governo sono state contro di loro. Il governo di Bagdad ha impiccato gli arabi di quella città per crimini politici, che loro chiamano ribellione. Gli arabi non sono in guerra con noi. O forse queste esecuzioni arbitrarie vogliono indurre gli arabi a rappresaglie contro i trecento prigionieri inglesi? Diciamo di essere in Mesopotamia per migliorarla, a vantaggio di tutto il mondo. Tutti gli esperti dicono che il fattore determinante del suo sviluppo è la forza lavoro. Di quanto l'assassinio di decine di migliaia di persone dei villaggi e delle città rallenta la produzione di grano, cotone e olio? Quanto a lungo lasceremo che milioni di sterline, migliaia di soldati dell'Impero e decine di migliaia di arabi siano sacrificati nel nome dell'amministrazione coloniale, che non favorirà nessun altro al di fuori dei suoi amministratori? (Traduzione di Anna Bissanti) (La Repubblica, 16 aprile 2004)

  • http://www.lib.byu.edu/~rdh/wwi/1918p/mesopo.html Ex.-Lieut.-Col. T.E. Lawrence, The Sunday Times, 22 August 1920 [Mr. Lawrence, whose organization and direction of the Hedjaz against the Turks was one of the outstanding romances of the war, has written this article at our request in order that the public may be fully informed of our Mesopotamian commitments.]
  • http://www.bbc.co.uk/history/historic_figures/lawrence_of_arabia.shtml Thomas Edward Lawrence, Lawrence of Arabia (1888 - 1935) Lawrence first travelled to the Middle East on an archaeological expedition after graduating from Oxford. He spent his free time travelling and learning about the local language and people. In early 1914, he was in a small group exploring northern Sinai, carrying out reconnaissance under cover of a scientific expedition. When war broke out, Lawrence became an intelligence officer in Cairo. In October 1916, he met local sheikhs rebelling against Turkey, a German ally. Lawrence urged his superiors to help them and became their liaison officer. He quickly became the brains, organising force and military technician of the revolt - he was a superb tactician and became a highly influential theoretician of guerrilla warfare. His small but effective second front mined bridges and supply trains and tied down enemy forces. In June 1917, the Arab guerrilla forces won their first major victory at Aqaba, at the northernmost tip of the Red Sea. Success continued as they gradually made their way north. However, by the time they reached Damascus in October 1918, Lawrence was exhausted. He had been wounded, captured and tortured often and had endured the worst hunger, weather and disease. Furthermore, he was depressed by the sheikhs' factionalism, which contributed to the Allied carve-up of the Middle East after the war and thus helped kill his dreams for Arab independence. Distinguished but disillusioned, Lawrence was demobilized as a lieutenant colonel in 1919. In 1922, he enlisted in the Royal Air Force as an aircraftsman, wanting to lose himself in the ranks and find material for another book. However, press exposure led to his hurried exit. He later enlisted as a private in the Royal Tank Corps, before being transferred back to the RAF. In the meantime, he edited his manuscript for The Seven Pillars of Wisdom and arranged for a limited edition to be printed in 1926. An action-packed account of Lawrence's campaigns in the desert with the Arabs, the book made his name and secured his fame. Lawrence's last years were spent in the RAF, where he worked on improved designs for high-speed seaplane-tender watercraft. Discharged in February 1935, he was killed following a motorcycle accident in May. Articles The Middle East during World War One The Ending of World War One Crusades and Jihads in Postcolonial Times Multimedia Zone Desert Rescue: An Expedition to the Sahara Gallery World War One Movies Mesopotamia Gallery Timelines British Timeline - World War One BBCi Links BBC News: Party for hero Lawrence BBC News: Lawrence of Arabia's 'mystery woman' External Web Links The Lawrence of Arabia Factfile The TE Lawrence Society Lawrence of Arabia, The Authorised Biography




    permalink | inviato da il 16/4/2004 alle 10:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
  • 4 aprile 2004

    1941-1942 circa 250 medici e infermiere della Croce Rossa Internazionale (ICRC)

    sono inviati in missione sul fronte dell’Est. I volontari, partiti con la convinzione di prestare soccorso alle vittime della guerra, senza esclusione, una volta raggiunti i luoghi di battaglia si ritrovano al servizio della Wehrmacht con l’obbligo di curare solamente i soldati tedeschi. Questi cittadini svizzeri assistono impotenti allo spettacolo di morte dei tre milioni e trecentomila soldati russi imprigionati da Hitler e, più tardi, considerati morti da Stalin. I primi testimoni dei ghetti e dei campi di sterminio si sottomettono all’ineluttabile decorso degli eventi e, una volta rientrati in patria, ad un silenzio imposto dalle autorità: «Non vedere, non ascoltare, non dire». Nel film, lo spettacolo atroce evocato dalle parole dei testimoni: “missionari”, prigionieri russi sopravvissuti e membri dei servizi sanitari tedeschi, si intreccia con del materiale cinematografico d’archivio, essenzialmente tedesco, visto che gli svizzeri non avevano il diritto di filmare né di fotografare, e con le pagine dei quaderni su cui i testimoni annotavano la quotidianità della loro guerra, pagine rispolverate per l’occasione e salvate da un destino ineluttabile di oblio. «Siamo stati venduti» dirà uno dei testimoni, e la «rabbia, tristezza e silenzio» che li ha accompagnati nel corso di questi sessant’anni, è stato per alcuni insopportabile. Il dialogo col regista ha dato loro sollievo e forse lenimento. Ma perché questo silenzio è durato così a lungo? «Non ci hanno fatto domande» dice un’infermiera intervistata. Gli archivi privati, i diari, la memoria dei testimoni spesso non hanno statuto per gli storici, che preferiscono dare maggiore legittimità alle fonti ufficiali, agli archivi istituzionali. Ma, «i testimoni di oggi sono gli archivi di domani», ha affermato Frédéric Gonseth durante un dibattito promosso dagli organizzatori del festival sul tema “Materia e memoria, l’archivio in prospettiva…”. «La storia è una costruzione ideologica del passato e l’archivio – ha affermato nel suo intervento lo storico Michel Porret - nasce da una precisa volontà politica». «Gli archivi sono materia prima di elaborazione del sapere e non illustrazione di un discorso costruito altrove – questa l’opinione di Jean Perret, direttore del festival – Gonseth non illustra, ma fonda un racconto, andando al cuore del processo di conoscenza”. Questa storia, questo modo di fare storia, connotato di responsabilità morale e politica è una storia soggettiva o meglio intersoggettiva che permette di valutare la soglia del sensibile degli esseri umani. Cosa ha prodotto la rimozione di questo capitolo della storia elvetica sulla’autostima dei testimoni? E soprattutto cosa ha permesso ai testimoni di sopravvivere, non solo alle atrocità viste e talvolta vissute, ma all’impotenza e alla vergogna del silenzio?" Frédéric Gonseth Viaggio all'Inferno Quando il Cicr servì Hitler Visto questa sera su Televisione Svizzera Italiana, Storie speciale, TSI1, domenica 4 aprile, ore 21.20 Missione all’ inferno di Frédéric Gonseth Dal fronte russo, nel 1942, la memoria di un’inquietante pagina della storia svizzera "The Red cross, ICRC has not really changed their despicable acts of racism within their midst's. As I see it, those secrecies of current histories still goes on. Example: What has the ICRC done to assure that the kidnapped IDF soldiers from Israeli territories into Lebanon proper, with disgraceful UN help (and the UN took videos of this act - refusing to render them public), what did the ICRC do, that the victims were treated correctly .. or that they are even still alive ... or turned back to their home country... including Mr. Tannenbaum as well a private business man. The ICRC has done nothing ... nothing to assure the families that their loved ones are cared for. Do they still care to try..???? I, and many others, have been addressing same and other matters - like refusing Israel to assure that it can use the "Star of David" for the Magen David Adom (The Israeli Red Cross) as much as the Arabs are given the right to use the Crescent (moon sickle) as their symbol by the ICRC .... but not Israel NO ... time and again we still see that anti-Semitism that reigns ..." Gabrielle Goldwater's Reports




    permalink | inviato da il 4/4/2004 alle 23:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    sfoglia
    marzo        maggio