.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

10 maggio 2008

Azione di quattro cretini, non movimento collettivo. Lo dice Rula Jebreal

Antisionismo a Torino? Una polemica assurda

http://www.articolo21.info/notizia.php?id=6719

di Stefano Corradino

La polemica alla fiera di Torino? Pretestuosa, gonfiata. L’azione di quattro cretini non puo’ essere fatta passare come un movimento collettivo…. Israele ha tutto il diritto di partecipare ad una manifestazione come questa, semmai bisogna premere affinche’ si sviluppi un dibattito sul modo in cui il governo israeliano tratta i palestinesi…” Netto il giudizio della giornalista palestinese Rula Jebreal sulla diatriba relativa alla Fiera del Libro. “L’informazione ha una responsabilita’ pesante. Purtroppo gran parte dei media ormai preferisce gettare benzina sul fuoco su un episodio circoscritto e occuparsi di una sparuta contestazione piuttosto che delle grandi questioni internazionali come il Libano, il Darfur, la Cecenia…”

Continua ad infuriare la polemica sulla Fiera del libro di Torino. Qual e’ il tuo giudizio?
Ma quale polemica… E’ stata una vicenda del tutto gonfiata. Il punto per me e’ chiaro: Israele, come tanti altri Stati ha tutto il diritto di partecipare ad un manifestazione come questa. Questo non significa che non si possa poi affrontare un dibattito politico sull’occupazione militare da parte israeliana della zona cosiddetta west bank o di quello che sta accadendo a Gaza… Ma quella sul boicottaggio e’ davvero una discussione inutile.

Non c’e’ alcuna ondata antisionista allora…
Ma no, non lo penso affatto. L’azione di quattro cretini non puo’ essere fatta passare come un movimento collettivo…. Questa vicenda va ricondotta nella giusta dimensione. Cio’ che semmai debba essere richiesto, lo ribadisco, e’ che si prema su Israele per fare un dibattito su come il governo tratta i palestinesi…

Alla Fiera ci sono scrittori David Grossmann, Abraham Yehoshua, Amos Oz e Meir Shalev…
Infatti. E questi scrittori israeliani presenti sono i primi a criticare la politica di Israele, loro sono la vera coscienza profonda dello Stato di Israele.

Insomma a tuo avviso questa vicenda che sta imperversando e’ una montatura mediatica.
Un ingigantimento assurdo. E questa di Torino e’ una questione davvero piccola nel contesto politico molto piu’ delicato e articolato del conflitto israelo palestinese. Ma gran parte dell’informazione ormai preferisce gettare benzina sul fuoco su un episodio circoscritto e occuparsi di una sparuta contestazione piuttosto che delle grandi questioni internazionali che sono praticamente sparite dall’informazione televisiva. Dal Libano al Darfur, alla Cecenia. Temi di cui non ci occupiamo piu’…

Alla polemica hanno contribuito anche le parole di Gianfranco Fini che a “Porta a Porta” ha sottolineato come questa vicenda sia piu’ grave dell’assassinio che si e’ consumato a Verona…
Penso sia una gaffe e non voleva dirla in questi termini. Ma cosi’ facendo ha legittimato indirettamente una violenza rispetto ad un’altra. Spero se ne renda conto. Ma il messaggio che ha lanciato e’ sicuramente non bello perche’ lasciava intendere che c’e’ una violenza piu’ accettabile rispetto in un’altra, mentre la violenza e’ inaccettabile sempre, senza graduatorie…

09/05/2008

Putroppo, i cretini saranno qualcuno più di quattro:

QUANTI SARANNO? La Questura attende tra le 1.500 e 2.500 persone per la manifestazione che dovrebbe segnare il culmine della campagna di boicottaggio. Gli organizzatori ne attendono molte di più. Finora hanno dato il loro sostegno oltre cento organismi tra centri sociali, associazioni, movimenti politici e sindacali di tutta Italia più una decina dall’estero. Per portare a Torino il numero più alto possibile di persone sono stati organizzati un treno da Pisa ed uno da Milano, oltre ad una quindicina di pullman con i quali giungeranno manifestanti da Firenze, Bologna, dal Nord-Est, ma gruppi sono previsti anche da Roma e Napoli.

recita l’Unità di oggi …

sfoglia
febbraio        luglio