.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

2 marzo 2007

Ma la Rivoluzione Liberale non è (stata) una Rivoluzione Borghese?

Ieri sera, dopo Ferrara, Luttwak ed Emma Bonino che discutevano di GUERRA, seguiti dal film documentario di Mc Namara sulla GUERRA, presentata in stile 'pre Grande Guerra', come guerra tra Patrie, Nazioni, Potenze, alla vecchia maniera insomma, delle GUERRE inutili ma necessarie alla COMPETIZIONE TRA 'CAPITALI', sentivo Fassino che rivendicava a sè il compito espresso anni fa da Massimo D'Alema per la SINISTRA:

fare la Rivoluzione Liberale, che in Italia non si è mai compiuta, NON che 'non è mai stata fatta', come ha detto Fassino, il quale ha ripetuto che il Partito Democratico sarà un PARTITO DI SINISTRA, integrato nel Socialismo Europeo, e dunque

LIBERALIZZAZIONI!

che poi è il ritornello uguale e contrario a quello delle NAZIONALIZZAZIONI proposte con argomenti non dissimili negli anni '50 e '60 dalla Democrazia Cristiana.

Ma che necessità c'è che la SINISTRA faccia oggi la RIVOLUZIONE LIBERALE? Non è COMPITO DEI BORGHESI?

Magari non i tassisti, o gli edicolanti, o i benzinai, non singolarmente...

forse più verosimilmente i Borghesi della Finanza, delle Banche, dell'Industria, e anche, certo, i Professionisti e gli Artigiani, forse anche - perfino - gli Operai...

un po' meno i Precari, ad esempio, o i moderni Chierici Vaganti delle nuove tecnologie.

Ma forse quel che vogliono dirci Fassino, e D'Alema, è che ormai le Classi sono una sola, quella che detiene il potere, economico, industriale, militare, dove le LOTTE non avvengono più TRA CLASSI, ma DENTRO L'UNICA CLASSE AL POTERE.

Sono LOTTE DI FAZIONI, DI CARTELLI, DI LOBBIES, l'una contro l'altra armate, e internazionalmente connesse, anche mafiosamente connesse.

E questo chiarisce anche meglio i PERCHE' LA GUERRA, non di civiltà, non per la democrazia, non contro povertà e ingiustizie varie, ma TRA POTENZE, USA, RUSSIA, CINA, GIAPPONE, INDIA, IRAN, PAKISTAN, PAESI ARABI e anche il piccolo ISRAELE.

La GUERRA è resa necessaria perchè da qualche parte CONVIENE PUR STARE.

O da quella dell'Iran, con cui abbiamo ottimi rapporti DI AFFARI, e chissenefrega se c'è un'ombra di hitlerismo nella sua dirigenza, e dunque della Francia, della Spagna, della Germania, che nega i suoi soldati in soccorso di quelli NATO canadesi

o da quell'altra, degli USA, della Gran Bretagna ecc.

sempre che poi si possano ridurre le CONTESE DI AFFARI a due soli contendenti. Un terzo c'è sempre, e di solito, nelle guerre, è quello che a fine partita (ma CI SARA' POI UN FINE PARTITA DIVERSO DALLA FINE DELL'UMANITA' CHE CONOSCIAMO?) incassa il piatto.

Comunque, niente paura!


OTTAWA
- Come combattere il riscaldamento del pianeta e il cambiamento climatico ? Con le tecnologie degli Ufo. E' questa la bizzarra idea di un ex ministro della Difesa del Canada, l'83enne Paul Hellyer. «Bisogna convincere i governi del mondo a dire quello che sanno - ha affermato l'anziano uomo politico in un'intervista rilasciata al quotidiano canadese 'Citizen'-. Molti di noi ritengono che sappiano molto, e molti di noi sono convinti inoltre che quello che sanno potrebbe bastare a salvare il pianeta».

Corriere della Sera




permalink | inviato da il 2/3/2007 alle 15:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile