.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

24 febbraio 2007

Prodi I? No! Un Consolato, Veltroni Follini, per la Coesione.

11:19 Veltroni: I distinguo indeboliscono il governo, ci vuole coesione "Il Paese ha bisogno non di uno spirito di parte ma di capacità coesiva. Non possiamo continuare nel segno dei contrasti e delle divisioni. Bisogna mettere fine ai tanti distinguo perché alla fine indeboliscono l'azione del governo".

Walter Veltroni invita il centrosinistra a marciare compatto per superare al più presto la crisi politica in cui versa il governo Prodi, parlando al Teatro Brancaccio. "Questo esecutivo ha ottenuto dei risultati straordinari. Ma -avverte il sindaco di Roma- non ci possono essere 12 mila distinguo, interviste e dichiarazioni una diversa dall'altra. Ha fatto bene Prodi a chiedere ai leader dell'Unione una convergenza maggiore e migliore" su nuovi punti programmatici.

Repubblica.it

Mi ripeto.... coesione va bene,  a patto che intanto non si scolli il Paese... che si incollino tra di loro, e il Parlamento diventi un convitato di pietra, non è condizione né necessaria né sufficiente perchè una democrazia seguiti a potersi chiamare tale, tantomeno per renderla più 'matura'. Che ci pensino, finché ne hanno tempo.




permalink | inviato da il 24/2/2007 alle 11:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo