.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

19 febbraio 2007

E se la smettessimo di pensare che gli Americani sono tutti imbecilli?

E se proprio tra gli Americani, e con gli Americani, molte istanze democratiche e contrarie alla guerra trovassero interlocutori, forse più che tra gli alti papaveri della sinistra 'radicale' e anche tra i 'sordastri' della sinistra-centro?

Washington starebbe pensando di fare concessioni sulla logistica della struttura
Il fronte della protesta fa però sapere che non è sufficiente: "Il nostro è un no netto"
Vicenza, Usa pronti a trattare i dettagli
Ma al movimento non basta: "Rinuncino"
"Questione di pacifismo, territorialità e democrazia: dovevano pensarci prima"

Vicenza, Usa pronti a trattare i dettagli. Ma al movimento non basta: "Rinuncino"

La manifestazione di sabato
VICENZA - Flebili segnali, mezze parole, piccoli spiragli. Dopo il successo della manifestazione di Vicenza, si fa timidamente strada la possibilità che gli Stati Uniti facciano parziale retromarcia, rivedendo i criteri e le modalità logistiche del raddoppio della base militare Dal Molin. Non per rinunciarvi, ma magari per spostarne la sistemazione, accogliendo alcune delle preoccupazioni espresse dalla popolazione vicentina che si oppone all'installazione.

L'idea che Washington possa correggere i suoi piani per ora è poco più di una suggestione, dettata dalle parole di Massimo D'Alema e Franco Giordano e rilanciata da alcuni indiscrezioni raccolte dal sito Affaritaliani.it. Se Romano Prodi ha ribadito che "le decisioni non si cambiano", al movimento anti-base il ministro degli Esteri ha concesso qualcosa di più. "L'unica cosa che si può fare - ha spiegato - è provare a concordare lo spostamento di qualche chilometro dal centro della città".

Ipotesi rilanciata dal segretario di Rifondazione comunista. "Confido nel fatto - ha commentato Giordano all'indomani della manifestazione - che questo movimento possa ottenere ciò che chiede, ovvero lo spostamento della base Usa fuori da Vicenza". Ma, per quanto tutta da verificare, questa possibilità potrebbe non essere sufficiente a far rientrare malumori e proteste.

"Gli americani pronti a trattare? Non ci crediamo", ha tagliato corto Giancarlo Albera, uno dei portavoce del Comitati del No. "Forse - ha aggiunto - lo sono sulle mitigazioni ambientali. Ma i 120 mila di sabato non vogliono la nuova base''. Il problema infatti per Albera non è risolvibile con qualche "ritocco" urbanistico. "Non vogliamo la base - ha ricordato - perché siamo contrari alla guerra".

Ancora più drastico Olon Jackson, un altro leader della protesta vicentina: "Che gli Stati Uniti siano disponibili a qualche concessione per smussare la conflittualità mi sembra molto plausibile, ma il nostro no alla base è netto, non è risolvibile con qualche aggiustamento: è una questione di pacifismo, di democrazia e di uso del territorio. Il movimento va infatti dai noglobal, alle suore, agli autonomisti. In nove mesi nessuno del governo si è preso la briga di venire qui a parlare con la città e capire quale era la situazione. Ora devono fare una scelta netta e decidere se quando saremo davanti alle ruspe in maniera pacifica ci vorranno cacciare a manganellate".


(19 febbraio 2007)

http://www.repubblica.it

Insomma, scriviamo e ragioniamo su Internet, che è il prodotto anche di menti americane, o no? E non è poi così male come spazio di libero confronto...

---------------------------------------------

Feb. 18, 2007 4:06 | Updated Feb. 18, 2007 4:08
Thousands protest US base expansion in northern Italy
By ASSOCIATED PRESS

(Continued from page 1 of 2)

A group of Americans ignored a warning by the US Embassy to avoid Vicenza and joined the protest behind a banner "Not in our name," receiving cheers by passing Italians who shook their hands and snapped their photos.

"The US should not build military bases, the US should think of its domestic problems," said John Gilbert, an American living in Italy for the past 25 years who was in a group of about 20 Americans who had traveled from Rome and Florence.

http://www.jpost.com

http://www.armytimes.com




permalink | inviato da il 19/2/2007 alle 14:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo