.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

12 febbraio 2007

Cacciatori di Palle

Ho sempre nutrito una forte insofferenza nei confronti dei "Cacciatori di Palle", in particolare di quelli che si collocano politicamente a sinistra.

Nel 1968 mi piaceva sentirmi parte del "Movimento degli Studenti", e non del "Movimento Studentesco", e non tanto per una particolare avversione nei confronti di Mario Capanna, ma perchè della prima definizione amavo l'idea sottostante che si fosse tutti e tutte partecipi della Storia, tutti adulti, maturi, vaccinati, e dunque esentati dal raccontarci palle e dal lasciarcele raccontare.

Non mi piacciono i preti e i papi che insistono a voler imbeverare e alimentare masse di bambini mantenuti perennemente tali. all'uopo, con le loro Interpretazioni (autentiche eh Cheesy ) di Dio

ancor meno mi piacciono le palle Pacifiste, quelle secondo le quali, di certo, la Prima Guerra in Iraq non sarebbe MAI scoppiata, e su tutti i media i loro rappresentanti mediatici si spremevano le meningi per spiegarci come e perchè, e infatti s'è visto....

... idem sulla Bosnia e sul Kossovo... poi sulla Seconda Guerra in Iraq .... dove bastava mettersi di traverso e bloccare i treni carichi di armi...

ed oggi su Vicenza, ci e si dicono convinti che per fermare la superpotenza americana è sufficiente impedire l'insediamento a Vicenza di 2-3000 fanti disarmati (... se poi per questo ci lascerà la pelle qualcuno, se cadrà questo governo e riavremo la CdL potenziata a Razz**, sarà solo... come dicono 'loro', gli americani? ... un danno collaterale..) ...


ancor meno mi piacevano e mi piacciono oggi le BR, che ci e si dicono convinte che la grande rivoluzione anticapitalistica e antiglobale inizierà dopo l'ennesimo morto ammmazzato - da loro - più anche qui qualche danno collaterale, qualche passante o uomo di scorta o... o... così come se poi di questo si avvantaggeranno la destra americana, europea, italiana, sempre potenziate a Razz**, altro danno collaterale, no?

Su 'Rete 4' hanno or ora proposto 'The PeaceMaker", di cui l'inserto del venerdì di Repubblica si limita a dire che è un 'filmetto', di cui l'unica cosa pregevole è la partecipazione di George Clooney in veste di protagonista....

... non una parola sul fatto che quel film (del 1997 .... ) parla di armi nucleari trafugate, di terroristi più o meno suicidi, di Bosnia, di Iran...

Interessanti invece questi film 'di guerra' americani, un vero e proprio Star War Trek, da cui si  evince come 'loro', gli americani, da decenni si preparano alla guerra, al terrorismo, al controterrorismo... e dentro quest'ottica si provano a ragionare di giusto ed ingiusto...

... e noi no...

Sarà grave?

PS

Copincollo da dreamer, che ha scritto dopo di me:

2 Febbraio 2007
LA SOLIDARIETA' DEI CARC AI COMPAGNI TERRORISTI
"All’alba del 12 febbraio le forze della repressione hanno attaccato numerosi compagni e organizzazioni del movimento comunista del nostro paese". Con queste parole inizia un comunicato diffuso dai Carc (Comitato di appoggio alla resistenza per il comunismo). Si legge, fra l'altro, "solidarietà ai compagni arrestati". Qui lo trovi per intero. Sempre secondo i Carc "invetabilmente" contro l'attuale sistema si svilupperà una restistenza delle "masse popolari". Sempre più numerosi coloro che si "organizzano e lottano per il superamento del sistema capitalista", così da permettere l'avanzata del comunismo nel mondo. Mi sa che ci siamo distratti mentre accadeva o accade tutto questo. L'organizzazione prende parte alla manifestazione di Vicenza contro la base Usa. E' noto che lì la gente protesta solo e semplicemente perché non vuole avere una caserma vicino casa. Teme attacchi terroristici. E i diversi disagi che conseguono con l'avere una delle basi militari più importanti d'Europa fuori l'uscio di casa. Ed invece già sono stati arruolati in una battaglia storica. A volte capita. 

«Ordinanza suggestiva, ma sembra tutto un bel romanzo»

Corriere.it




permalink | inviato da il 12/2/2007 alle 23:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo