.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

26 gennaio 2007

Quando 'bipartisan' potrebbe e dovrebbe essere la Ragione ...

venerdì 26 gennaio 2007
Em.ma

LA PECORELLA NON È UNA LEGGE VERGOGNA
http://www.ilriformista.it

«Leggi vergogna». Così vengono definite dall'«Unità» tutte le leggi sulla giustizia varate nella legislatura passata. Ora, che gran parte di queste leggi siano ad personam, presentate e sostenute dagli avvocati di Berlusconi, non c'è dubbio ed è giusto bollarle per quel sono. Ma definire legge vergogna quella che nega al pm la facoltà di appellarsi (quasi sempre usata), dopo l'assoluzione con formula piena di un imputato, è sbagliato. Purtroppo questa legge porta il nome di un parlamentare che è anche avvocato dell'ex presidente del Consiglio. Ma nei paesi civili, dove vige il sistema accusatorio, questa norma non esiste. La Corte Costituzionale ha bocciato l'articolo 1 della legge e leggeremo le motivazioni con serenità senza le grida ingiuriose di Berlusconi e nemmeno quelle di vittoria dell'«Unità». Il fatto che un cittadino venga assolto dai giudici in un'aula dove si ascoltano i testimoni e c'è un contraddittorio aperto e poi venga condannato da altri giudici sulla base della stessa accusa e della sola lettura delle carte processuali non è un grande spettacolo di giustizia. I tempi dei processi si allungano e tutti protestano, anche coloro che oggi battono le mani per la decisione della Consulta.




permalink | inviato da il 26/1/2007 alle 14:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        febbraio