.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

2 aprile 2005

Zitti e pregate ?

Leggo in un commento a Karol Wojtyla, il Blog Trotter di oggi di Leonardo Coen dedicato al Papa glob trotter: "zitto e prega..." (inviato il 02.04.2005 04:23:49) Ma... nessuno ha qualcosa da dire su questo tsunami pseudoreligioso? Nemmeno all'epoca della DC c'era questo sconcio! [5]Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini. In verità vi dico: hanno gia ricevuto la loro ricompensa. [6]Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. [7]Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole. [8]Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate. [9]Voi dunque pregate così: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; [10]venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. [11]Dacci oggi il nostro pane quotidiano, [12]e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, [13]e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. [14]Se voi infatti perdonerete agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; [15]ma se voi non perdonerete agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe Matteo 6, 5-14 Da tempo non mi considero più cristiano, e nemmeno 'religioso' (risale a poco prima o poco dopo l'elezione di Wojtyla ...) Nemmeno ateo, a rigore, diciamo che mi sento pascaliano, visto che qualcuno (nei commenti) ha scomodato Wittgenstein... Ma quel passaggio del Vangelo di Matteo (uno dei vangeli più saturi di dottrina, parabole, miracoli, per altro; molto meglio Marco, asciutto e stringato) mi è sempre piaciuto. Lì Gesù non solo non dice di essere, lui, Dio, e nemmeno 'il' suo figliolo, ma usa il 'tu'. In quel 'tu' c'è tutto, l'intera critica ai 'sistemi' religiosi, l'assoluta spontaneità e schiettezza del suo 'pensiero'. Un Gesù... zen ... :-) (Vedi anche Blog Trotter Monitor)




permalink | inviato da il 2/4/2005 alle 9:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo        maggio