.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

17 giugno 2004

La sindrome di Pinocchio e gli ostaggi di Bagdad

Scriveva venerdì, 11 giugno 2004 sul suo Blog Trotter Leonardo Coen: Cos'è successo veramente a Bagdad, quando sono stati liberati i tre ostaggi italiani e quello polacco? La verità ufficiale non va per nulla d'accordo con le testimonianze che poco per volta ricostruiscono, come piccole tessere per ora sparpagliate alla rinfusa, un mosaico ben diverso da quello maldestro che ci è stato propinato... IL BLITZ Nuove immagini della liberazione degli ostaggi italiani Niente spari e carcerieri, il video del «blitz» L’azione si svolge in pochi secondi DAL NOSTRO INVIATO BAGDAD - La scena in bianco e nero si apre con gli anfibi delle teste di cuoio americane che penzolano dal portellone dell’elicottero. Sono vicinissimi a terra. Si solleva un polverone fitto, che offusca ancora di più le immagini già confuse. I soldati saltano a terra con i mitra puntati, corrono verso una palazzina a un piano. Sembra una scuola, o dei magazzini, oppure una caserma abbandonata. Terra bianca, un grande cortile interno, con viottoli cementati. Eppoi le porte spalancate. I soldati sferrano calci per aprirle ancora di più, forse temono un’imboscata. Ma non c’è nessuno. Assolutamente nessuno. Se non loro. Gli ostaggi italiani e il polacco stesi a terra in una stanza angusta, apparentemente priva di mobilio, i muri spogli, non paiono neppure intonacati. Il video della liberazione degli ostaggi trasmesso dal Tg1 (Omega da tv) Sono le immagini riprese dal commando americano al momento della liberazione degli ostaggi italiani e del polacco la settimana scorsa. Già domenica il Corriere della Sera aveva pubblicato il fotogramma dove si vede un soldato Usa tagliare con le cesoie e i guantoni da lavoro le manette dell’ostaggio polacco. Sullo sfondo Salvatore Stefio, a cui le manette sono appena state tolte, sorride estasiato, alza il pollice in segno di vittoria. Ieri sera il Tg1 ha trasmesso le sequenze drammatiche dell’arrivo del commando e l’entrata della stanza. Gli ostaggi appaiono esausti, gli occhi sbalorditi, quasi ancora non credessero di essere liberi. Dopo 58 giorni è finita. L’edificio è curioso. Non un appartamento. Non una fattoria o una casa privata. Lo abbiamo detto, sembra una scuola. Con le aule che si affacciano in parallelo su lunghi corridoi bui. Una di quelle scuole tipiche delle periferie povere in Iraq. Finestroni con le inferriate, le zanzariere sfondate, porte di ferro, muri spogli. Lo stesso capo dei portavoce americani in Iraq, generale Mark Kimmitt, ci ha detto più volte che l’ultimo covo dei rapitori si trovava in una zona agricola alla periferia di Mahmudiya, una trentina di chilometri a sud di Bagdad. E lo stesso luogo è confermato dalle fonti locali che abbiamo potuto contattare. Ma ciò che colpisce di più è l’assoluta mancanza di resistenza. «Non c’è stato scontro a fuoco. I nostri uomini non hanno sparato un colpo», aveva detto il comandante in capo delle forze Usa in Iraq (ora appena dimesso per lo scandalo delle torture nel carcere di Abu Ghreib), generale Ricardo Sanchez. Alla domanda se vi fossero state vittime tra i rapitori si era limitato a rispondere: «Tutti gli ostaggi stanno bene». Cosa che faceva supporre potesse esservi stato un conflitto con feriti o morti da parte dei rapitori e degli stessi americani. Ma nel video il blitz appare assolutamente indolore. Il generale Kimmitt aveva parlato di «quattro arrestati». Non se ne vede neppure uno. L’azione si svolge in pochi secondi. Restano dunque del tutto aperte le domande degli ultimi giorni. Davvero non c’è stata trattativa? Davvero non è stato pagato un riscatto? Perché, in verità, il video spiega ben poco. Anzi rilancia l’ipotesi dell’azione concordata. Come se i soldati americani si muovessero secondo indicazioni ben precise e quasi nella convinzione di non aspettarsi alcuna resistenza all’interno. Qui a Bagdad la convinzione più diffusa è che il commando si muovesse seguendo un piano concordato. «Non è da escludere il blitz. Ma neppure che esso sia seguito a una lunga serie di trattative, grazie alle quali si è giunti a identificare il covo», ci dicono fonti legate ai circoli diplomatici occidentali. A detta di alcuni iracheni vicini agli ex servizi segreti di Saddam Hussein, la cifra pagata per gli italiani e il polacco sarebbe stata di 40.000 dollari. Nulla rispetto alle somme di cui si è parlato in Italia negli ultimi tempi. «In verità il gruppo o i gruppi che hanno sequestrato gli italiani erano estremamente politicizzati e ben organizzati. Non erano interessati ai soldi. Però hanno fatto credere di essere criminali comuni per confondere la acque. Usano alcuni covi a Sadr City, nella zona più povera e violenta di Bagdad, fingono di militare tra gli estremisti sciiti. Ma con loro non hanno nulla a che fare», ci dice la stessa fonte. Tra le voci più persistenti sono i dettagli della cattura (i rapitori avrebbero girato un video di quel momento) e quello di un altro video in cui il 31 maggio gli ostaggi lanciavano un messaggio concordato per dimostrare all’esterno che il canale dei negoziati in corso era quello giusto. La mattina del 12 aprile gli italiani sarebbero stati catturati tra Samarra e Tikrit, in prossimità di un incrocio che qui chiamano Al Jazira , dove avrebbero dovuto imboccare la strada del deserto che riporta alla super-strada per il confine con la Giordania. E perché avrebbero ucciso Quattrocchi? «Era un uomo molto coraggioso, troppo, sino all’incoscienza. Al momento della cattura cercò di usare il fucile che avevano a bordo. Poi si prese a cazzotti con i rapitori. Non obbediva, li offendeva. Non lo volevano eliminare. Lo fecero perché era diventato un problema. Il suo assassino non si trova più in Iraq, è fuggito in Siria». Lorenzo Cremonesi 17 giugno 2004 - Corriere.it In Blog Trotter Monitor




permalink | inviato da il 17/6/2004 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio