.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

25 maggio 2004

Giovanni Falcone, un'identità contesa. Una mano lava l'altra, ed eccole pulite...

Ilda Boccassi e le polemiche sul ricordo del magistrato quindici giorni prima di venire ucciso: "Giovanni parlò così" "Pera stravolge le idee di Falcone ma lui difese l'autonomia dei pm" di GIUSEPPE D'AVANZO "Sorpresa? Per niente. Non sono gli esami a non finire mai, in Italia le sorprese non finiscono mai. E allora non mi sorprendo se il presidente del Senato, la seconda carica dello Stato, commemora Giovanni Falcone stropicciando fuori contesto una sua frase per lanciarla, a fini politici, contro la magistratura. E' stato un passo falso, è stato un errore con tutto il rispetto che sempre merita la seconda carica dello Stato". Ilda Boccassini domenica era a Palermo. Nel viaggio di ritorno a Milano ha avuto un bel riflettere sullo stato delle cose in un Paese lacerato, sempre diviso, sempre in conflitto che non riesce a trovare ragioni comuni e condivise nemmeno accanto alle tombe, nemmeno riflettendo sulle testimonianza di vita che quei morti - morti per servire lo Stato - hanno consegnato alla storia italiana. A Palermo Giovanni Falcone è stato ricordato, nel dodicesimo anniversario del suo assassinio, con due manifestazioni. Di diverso colore e segno, per dir così. Romano Prodi e Giuliano Amato nell'aula dove fu celebrato il processo a Cosa Nostra istruito dal giudice istruttore e dal pool di Antonino Caponnetto. Lungo l'autostrada a Capaci, accanto alle stele, il presidente del Senato Marcello Pera, i membri del governo. Nessun canale di comunicazione tra i due eventi, se si esclude la presenza della famiglia del giudice. Ilda Boccassini se n'è andata alla fiaccolata dei giovani e non ha avuto modo di ascoltare le parole di Pera. Le ha lette nelle cronache dei giornali. Dice ora: "Non sono rimasta sorpresa o sbigottita per le parole del presidente Pera. Sono rimasta non stupita, ma addolorata per l'occasione che si è voluto utilizzare per portare l'ennesimo attacco alla magistratura. Ne posso solo prendere atto. Come prendo atto che, dopo dodici anni Giovanni Falcone, già in vita bistrattato a destra come a sinistra, nemmeno da morto riesce a trovare la pace e il rispetto che merita, un ricordo che sappia riflettere sulla sua grandezza, sulla coerenza dei suoi comportamenti e delle sue scelte, sulla lungimiranza delle sue idee...". Sono le idee di Falcone che Pera ha ricordato. "No, purtroppo. E lo dico con molta tristezza. Sono le idee di Falcone che il presidente Pera ha strumentalmente utilizzato... Il brano citato, domenica a Capaci, dal presidente del Senato fa parte di una lezione di Giovanni all'istituto Gonzaga di Palermo, quindici giorni prima di essere ucciso. Era l'otto maggio del 1992. Le sue parole sono a disposizione di tutti, pubblicate in volume dalla Sansoni (Interventi e Proposte, pagina 183). Era una lezione senza titolo nelle sue carte. Il titolo che accompagna il testo pubblicato ("Il dibattito politico sul ruolo della magistratura") è stato apposto dai redattori del libro, ma rende bene il nucleo della questione che Giovanni affronta". Qual è, questa questione? "Falcone discute dei rapporti tra politica e magistratura. Osserva che "dopo la moda del linciaggio verso la politicizzazione dei giudici... adesso, con una velocità degna di miglior causa, siamo di fronte alla difesa ad oltranza dell'indipendenza dei giudici". A Giovanni non sono mai piaciute le "astratte affermazioni di principio" e quel giorno prova ad assaggiare che cosa, per i magistrati, bolle in pentola. A mo' di esempio cita le proposte dell'ideologo della Lega, il professor Gianfranco Miglio. Riassume il suo progetto di riforma dell'ufficio del pubblico ministero: "Organo che dovrebbe essere diviso da quelli della funzione giudiziaria, organizzato gerarchicamente dal suo interno dove gli organi superiori dovrebbero avocare a sé gli affari trattati dagli organi inferiori; dove i funzionari avrebbero una carriera distinta dai magistrati della funzione giurisdizionale e non potrebbero essere trasferiti ad uffici di quest'ultima". "Il reclutamento dei pubblici ministeri dovrebbe avvenire per concorso, ma la nomina, le promozioni e la assegnazione", proponeva Miglio, sarebbero state sottratte al Consiglio superiore della Magistratura per essere assegnate a "un procuratore della Costituzione". "Dico, en passant, che la riforma di Miglio assomiglia come una goccia d'acqua alla riforma dell'ordinamento giudiziario in discussione alla Camere, ma questo come è ovvio Giovanni non poteva saperlo. Sapeva invece che con idee di quel tipo, con una riforma istituzionale di quel tipo, la magistratura doveva fare ormai i conti senza trincerarsi in una inutile "difesa ad oltranza". Anche allora il suo occhio vide lontano. Giovanni, in quella lezione al Gonzaga, si chiedeva dunque come difendere l'autonomia della magistratura. Si chiedeva e si sforzava di far comprendere come "autonomia e indipendenza potessero rispondere alle reali esigenze della società, essere funzionali alle necessità della collettività". Solo quella era la via d'uscita, infatti: rendere concreto per la società l'utilità dell'autonomia e dell'indipendenza della funzione giudiziaria, vederle "riconosciute come un valore da custodire e non già come un privilegio" delle toghe. "E' in quest'orizzonte che Giovanni fece riferimento alla funzionalità dell'autonomia e dell'indipendenza, valori - disse - che servono per l'efficienza della magistratura. Solo l'efficienza della funzione giudiziaria messa al servizio della società potrà trasformare autonomia e indipendenza in valori non per la magistratura, ma per la collettività. A rileggere quella lezione, il significato è chiaro. Giovanni avverte i magistrati: attenti, dopo il linciaggio della politicizzazione, verranno riforme che avranno l'esplicito obiettivo di piegare l'autonomia della nostra funzione. A nulla varrà una difesa cieca, miope, "ad oltranza", se non renderemo vivo, necessario, conveniente nella società, con un efficiente servizio, quel valore di autonomia e indipendenza... Mi scusi, mi interrompo...". Perché? "Questo discorso non voglio farlo, non voglio farmi prendere dalla passione del ricordo di un amico che, in momenti difficili come questo, ci manca se è possibile ancora di più.... Non voglio unirmi al coro di chi, anno dopo anno, afferra un lembo del pensiero o del lavoro di Giovanni per farne scudo alle proprie scelte o per trasformarlo in un'arma d'offesa contro gli avversari politici. Spero che almeno da morto, come non lo è stato in vita, Giovanni possa essere rispettato con le sue idee, lucide, premonitrici, controverse o discutibili come sono tutte le idee. Con il rispetto che un servitore dello Stato, come me, ha e deve avere per la seconda carica dello Stato, ripeto che il presidente del Senato ha commesso un errore lasciandosi anch'egli tentare dall'uso strumentale delle riflessioni di Giovanni Falcone. Per di più, è incappato in una grave contraddizione". Qual è la contraddizione? "Pera ricorda che Falcone pose alla base della sua riflessione un trinomio. Autonomia, indipendenza, efficienza. Giovanni pensava che solo, se efficienti, i magistrati possono difendere l'autonomia e l'indipendenza della loro funzione. Ma ci sono anche delle condizioni di base che devono essere assicurate dallo Stato per poter essere efficienti. Perché il presidente del Senato non si occupa delle condizioni in cui è stato avvilito il servizio giudiziario? Perché non spende una parola dinanzi alle doglianze della magistratura italiana sull'impossibilità dell'efficienza con gli organici malmessi, le risorse ridotte, le leggi contraddittorie? Ecco, la strumentalità del discorso del presidente del Senato è in questa contraddizione. Sembrano non interessargli "le reali esigenze della società" che stavano a cuore a Giovanni, ma soltanto la reiterazione dell'accusa di politicizzazione, che, come aveva previsto Falcone più di un decennio fa, annuncia riforme che vogliono condizionare l'autonomia e l'indipendenza di quel servizio. Se "le reali esigenze della società" fossero state tra i pensieri di Pera, come lo erano nella mente di Giovanni, il presidente del Senato avrebbe forse dovuto spendere anche qualche parola sulla caduta di tensione del ceto politico nel contrasto con la mafia, quella mafia che ha ucciso Giovanni e Paolo Borsellino e Francesca Morvillo e distrutto le loro scorte. Avrebbe speso qualche frase contro quel desiderio di convivere con Cosa Nostra che sembra il segno di questi anni anche per esplicita ammissione di qualche ministro. Avrebbe ricordato che, dentro la magistratura, c'è stato chi ha venduto la toga al miglior offerente e chi, fuori della magistratura, l'ha comprata. Avrebbe ricordato che l'efficienza della funzione giudiziaria non può essere affare soltanto dei giudici o dei pubblici ministeri, ma anche di chi fa le leggi e amministra l'organizzazione giudiziaria". Oggi sciopererà? "Oggi sciopererò e le dico che sciopererò, anche se starò qui nel mio ufficio a lavorare, anche per onorare il ricordo di Giovanni Falcone, magistrato autonomo, indipendente, efficiente". (25 maggio 2004) Scrivevo il 22 Maggio 2004, nei commenti a Leonardo Coen: Prossimamente: Mani Pulite, la Vendetta ieri sera ho seguito qualche minuto Maurizio Costanzo che commemorava Giovanni Falcone, insieme a Claudio Martelli... boh... ? quante cose non so e non sappiamo. visceralmente, avrei reagito con un 'ma ci vuole proprio un bel coraggio', ma insieme mi chiedevo: e io cosa ne so, davvero? Mani Pulite, con le telecamere di Mediaset fisse a puntare l'ingresso del Tribunale di Milano: e chi se le dimentica. Io però non ci passavo mai, non ho mai partecipato a una sola manifestazione. Non perchè non vedessi con piacere che qualche audace stava provando a mettere sotto processo il 'terzo livello' mafioso e tangentizio, ma perchè l'idea stessa che qualcuno potesse definire una parte come 'mani pulite' contro un'altra con le mani sporche per definizione mi ripugnava E Di Pietro? Non parlo delle sue idee, della sua onestà morale, della sua professionalità: ma perchè mettersi in politica e spendere lì la popolarità che si era travettianamente conquistata sul campo del 'diritto' ? E i Socialisti? spazzati via di colpo dalla scena politica nazionale, ma soprattutto milanese (e lo stiamo tuttora pagando salato, in termini di LAICITA' prima di tutto) solo perchè tutto il PSI si era ridotto ad appendice di un uomo solo, con i suoi pregi, i suoi difetti, la sua megalomania e capacità di attrazione, ed è stato molto facile disintegrarne l'identità, fatta anche però di migliaia di iscritti comptenti, onesti, seri, non più ladri (per definizione) di altri, la vera 'intellighenzia' milanese... lapsus (e.... Viale Papiniano????) inviato il 22.05.2004 13:48:40 ma, a proposito Mani 'Pulite' non nasceva da giudici legati ad Alleanza Nazionale e alla 'destra ex democristiana'? La Lega non applaudiva e mandava affollate masse alle manifestazioni davanti al Palazzo di Giustizia? Canale 5 non mandava in onda servizi e interviste a getto continuo? Il Cav. Berlusconi non offerse un ministero in suo eventuale governo a Di Pietro? La sinistra milanese non guardava forse con sospetto e diffidenza il 'terrore giacobino', che di fatto ha finito con danneggiare, in tutto il Nord Italia, proprio i partiti di sinistra? Questo è quanto ricordo io, vorrei che qualcuno confermasse, qual era il 'clima' a Milano, in quegli anni... e come si è trasformato, a tutto vantaggio di Lega, Alleanza Nazionale, Forza Italia, Destra ex-DC inviato il 24.05.2004 10:58:17 la tragedia craxiana e la disintegrazione della sinistra milanese appaiono sulla distanza il frutto della 'miopia' di Bettino Craxi, o meglio del suo strabismo che lo portava ad appoggiarsi a quelli che considerava potenziali alleati come la Lega e Alleanza Nazionale (i medesimi che non solo gli hanno 'fatto la festa', ma se ne sono poi massimamente avvantaggiati, oltre all' "amico" Cavaliere di Arcore) e ad attaccare come mandanti il PCI e la sinistra, che sono quelli che non meno del PSI hanno dovuto consegnare all'attuale leadership berlusconiana Milano, la Lombardia e l'Italia (anche il governo 'di centro sinistra' di Prodi-D'Alema-Amato coll'entusiasmante finale del portavoce Rutelli è stato di fatto un governo ingessato, bloccato in qualsiasi sua iniziativa volta a delimitare lo strapotere berlusconiano proprio dall'uso che le destre hanno abilmente fatto di Mani 'Pulite') inviato il 24.05.2004 11:06:04




permalink | inviato da il 25/5/2004 alle 10:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        giugno