.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

22 maggio 2004

Marwan Barghuti, ne scrive Luisa Morgantini, su 'il manifesto'

il manifesto, 21 Maggio 2004: Processo a Barghuti, chiesti cinque ergastoli Il leader dell'Intifada respinge l'accusa in ebraico: «Alla sbarra Sharon». I giudici: Arafat mandante Luisa Morgantini TEL AVIV Ieri mattina processo e richiesta di condanna per Marwan Barghuti, il leader dell'Intifada e segretario di Al-Fatah in Cisgiordania, ancora, con Arafat, il leader palestinese più popolare e amato. Marwan è stato sequestrato a Ramallah il 15 aprile del 2002. In tutto questo tempo è stato tenuto segregato in isolamento, non ha mai potuto vedere la famiglia. L'unica volta che ha visto i due figli è stato sotto ricatto - glieli hanno mostrati in tv, altrimenti poteva scegliere di avere comunque un vetro divisorio davanti. Poi hanno arrestato il figlio maggiore, Kassem, incarcerato a dicembre del 2003 e ancora in galera. Quindi hanno tentato di umiliarlo costantemente. Ma Marwan ha retto, ieri il suo tono era grave ma anche ironico. Ha ribadito la sua innocenza rispetto alle accuse, ha ripetuto che è contro l'uccisione di civili israeliani e, invece, che la responsabilità di quello che succede è dell'occupazione militare israeliana, che lui è per la pace e la esistenza di due popoli due stati e si è sempre battuto per questo fin dagli accordi di Oslo «quegli accordi che sono stati distrutti in realtà dall'uccisione Rabin, dal continuo furto delle terre palestinesi da parte d'Israele, dall'occupazione, dagli arresti e dalla mancanza di libertà di movimento dei palestinesi» - proprio come ha denunciato Amnesty International. Parlava in ebraico Marwan e ha perfino scherzato. A un certo punto dalla Corte gli hanno detto che aveva già parlato troppo. E lui ha risposto sereno: «Tanto sono già stato condannato e siccome sono stato in carcere già tanto tempo, ora prendo la parola e parlo». E'stato fermissimo nel ribadire le responsabilità di Sharon, nel denunciare le stragi di queste ore e le distruzioni di case a Rafah. «O in uno stato per due popoli o in uno stato solamente - ha aggiunto - i palestinesi non smetteranno mai di lottare per i loro diritti. Resisteranno sempre. Lasciatemi dire che questa Corte per me non ha valore, è la giustizia dell'occupazione - ha detto rivolto anche a Azni Bishara il deputato arabo israeliano, leader dei palestinesi che vivono nello Stato d'Israele, presente al processo - Mi avete arrestato, avete detto che io ero l'unico leader, ma l'Intifada è continuata. Ogni giorno dite che avete preso e ucciso quello che è il primo leader, ma il popolo continua a lottare. Dovete cessare l'occupazione militare israeliana». Marwan, che stavolta non aveva le mani legate, ha parlato di Gaza dicendo: «E' Sharon che dovrebbe essere processato per quello che sta facendo», poi, sempre in ebraico si è rivolto agli israeliani: «Voi che avete subito l'Olocausto, che avete sofferto così tanto, come potete commettere questi crimini?» Il pubblico ministero israeliano ha ribadito che è Marwan Barghuti «il» responsabile di tutto, di ogni azione e per questo meritevole di ben 5 ergastoli per 5 israeliani rimasti ucci in attentati. Ma - e può perfino sembrare un fatto «positivo» - la condanna richiesta alla fine non ha riguardato tutti i capi d'accusa: sono stati chiesti infatti 5 ergastoli per quattro attentati compiuti in Israele, ora per gli altri 33 capi d'accusa non può essere processato più nessuno. La Corte si è aggiornata al 6 giugno quando sarà emessa la sentenza definitiva. Il fatto grave contenuto nei capi d'accusa è che Marwan Barghuti altro non è che una «emanazione» di Yasser Arafat, quindi sotto processo ieri era anche il presidente palestinese. Erano presenti molti parlamentari arabo israeliani, mentre ai pacifisti e allo stesso Uri Avnery non è stato permesso l'ingresso. Presente una delegazione del Parlamento europeo guidata da Francis Wurtz il capo gruppo parlamentare del Gue, la nuova sinistra. Una presenza che ha reso felicissimo Marwan. In questi giorni c'è stato una specie di giallo perché non lo facevano vedere all'avvocato. La sua salute desta preoccupazione, è sempre in isolamento, in una cella umidissima e lui soffre di disturbi respiratori e non può avere un dottore. La moglie, Fatwa, Barghuti, non ha potuto essere presente. Raggiunta telefonicamente, si è sentita male appena è stata informata della richiesta di condanna. Fuori del processo la protesta aggressiva di un centinaio di familiari delle vittime israeliane degli attentati Un'ultima considerazione. Nessuno si aspettava la richiesta di condanna così presto. Il ritardo appariva perfino positivo. La richiesta di condanna è da mettere in relazione proprio con la volontà in questo momento di Sharon di annientare ogni possibilità di resistenza da parte dei palestinesi. Barghuti, molto amato dai palestinesi, è spesso presentato dall stampa israeliana come l'«alternativa» ad Arafat. Eppure su Barghuti la comunità internazionale tace. Come tace sui 7000 prigionieri politici palestinesi tra cui 350 ragazzini tenuti in condizioni disastrose in prigioni dove la tortura è pratica di stato. Come per Marwan, da due anni in totale isolamento, in una cella 1,50 per 3, sotto terra, con la luce accesa continuamente.




permalink | inviato da il 22/5/2004 alle 9:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        giugno