.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

21 maggio 2004

I lati oscuri della Rete sono le chat, il porno, i blog (lo dice la CEI)

La Repubblica, Roma, 19:50. Chat e blog, per la Chiesa sono a rischio peccato Internet è utile ma non mancano i pericoli, secondo la chiesa. Secondo quanto è emerso dal convegno "I media in famiglia, un rischio e una ricchezza" organizzato dalla Cei all'università lateranense, i lati oscuri della Rete sono le chat, il porno, i dialer (programmini che si staccano dal Web e procedono, spesso senza che l'utente se ne renda conto, a una connessione costosissima via modem) o la falsa informazione. "In molte situazioni si può parlare di peccati", ha detto don Giuseppe Costa, docente di giornalismo alla pontificia università salesiana. "La chat può sconfinare in realtà incontrollabili che non rispettano la persona e spesso - ha aggiunto - mancando dei corrispondenti, non ci sono responsabilità, poiché la persona dialoga con nessuno e questo fa cadere il senso di responsabilità". Nel mirino anche i blog e la cosiddetta controinformazione. "Siti di giornalismo on-line non firmato che danno informazioni scorrette, ad esempio in ambito scientifico, creando rischi per la vita", così Costa. "La Rete ci fa vivere ed enfatizza il presente, fuori dalla tradizione e senza progetti per il futuro, inoltre ci fa vivere contemporaneamente mondi distanti ", ha fatto eco don Dario Viganò, presidente della commissione nazionale per la valutazione dei film della Cei.




permalink | inviato da il 21/5/2004 alle 22:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        giugno