.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

20 maggio 2004

Yael Dayan, figlia di Moshé: «Fuori controllo. Bisogna andarsene subito»

GERUSALEMME - Meno di tre anni fa, dopo l’attentato al Park Hotel di Netanya, aveva giustificato la cruenta reazione israeliana nei territori: «Troppo brutale? No. Dobbiamo pur difenderci, o avremo altri attentati» disse. Oggi Yael Dayan, figlia del generale Moshé, ed ex parlamentare laburista, ha la voce stanca e sfiduciata: «A Rafah abbiamo passato il segno. Siamo arrivati a un punto intollerabile, a un comportamento che può essere definito un crimine contro l’umanità». E’ stato un incidente, hanno spiegato i vertici militari, scusandosi. «Sì, credo anch’io che sia stato un errore. Non penso che il governo israeliano volesse uccidere intenzionalmente bambini o innocenti. Perché queste morti pesano adesso gravemente sulla sua immagine internazionale. Ma questo è il risultato della situazione: siamo nel posto sbagliato e dobbiamo andarcene. Quella manifestazione non metteva in pericolo i nostri militari, non c’era ragione di sparare». Allora perché è successo, secondo lei? «Perché ormai l’esercito ha perso il controllo. Dopo la morte di tredici soldati, poco più di una settimana fa, gli eventi sono precipitati. Il nervosismo è salito, i carri armati sparano su tutto ciò che si muove. E’ una situazione insostenibile. Bisogna lasciare Gaza. Eravamo quasi ducentomila sabato scorso a Tel Aviv. E non è tutta gente di sinistra come me. Sono israeliani stanchi di tutto questo». Il ministro della Difesa e il capo di Stato maggiore hanno annunciato che l’Operazione Arcobaleno continuerà a Gaza, nonostante tutto. «Arcobaleno! Vorrei sapere di chi è la mente che ha deciso di battezzare così un’operazione che porta morte, sangue e distruzione. L’arcobaleno evoca un film di Judy Garland, tutto serenità e ottimismo. Comunque io non so perché i carri armati siano entrati a Rafah e l’unica risposta che so darmi è che si tratta di una punizione collettiva. Come dimostrano gli ostacoli frapposti ai soccorsi e alle ambulanze palestinesi». Ieri però Israele ha offerto le sue ambulanze per evacuare i feriti di Rafah . «Non c’è molta umanità, per me, in chi uccide e poi offre in dono le bare. C’è solo una bella dose di cinismo. No, bisogna uscire da Gaza e per ottenerlo continueremo a fare dimostrazioni davanti al ministero della Difesa, giorno dopo giorno, finché il governo non ascolterà le voci che si sono alzate sabato scorso a Tel Aviv». Che cosa deve accadere per convincerla che Sharon intenda davvero di ritirarsi da Gaza? «Mi basterebbe vedere la prima casa sgomberata nella colonia di Netzarim. La prima casa e il primo camion che riporta in Israele la prima famiglia di coloni, con tutti i suoi mobili. Sarebbe un segno di speranza per tutti. Sono d’accordo con Amnesty International quando parla di crimini di guerra a Rafah. Ma avrei voluto sentire la stessa voce protestare quando è stata uccisa una donna con le sue quattro bambine e i resti dei soldati uccisi sono stati mostrati dai palestinesi come trofei». E. Ro. © Corriere della Sera




permalink | inviato da il 20/5/2004 alle 13:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        giugno