.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

13 maggio 2004

Donne e Potere: Sonia Gandhi, nata in Italia, alla guida dell'India

Giovedì 13 Maggio 2004, 12:55 India: premier sconfitto dall'italiana Sonia Gandhi NUOVA DELHI (Reuters) - Con un nome che ha da sempre un effetto magico sulla società indiana, una donna nata in Italia ha sovvertito ogni pronostico elettoraIe rivitalizzando col fascino della dinastia Gandhi il vecchio Partito del Congresso e battendo il primo ministro indiano Atal Behari Vajpayee, che accettato l'esito delle elezioni nazionali rassegnerà le proprie dimissioni. Con i conteggi ormai quasi completati, il partito d'opposizione guidato da Sonia Gandhi, i suoi alleati ed i sostenitori della sinistra sono in testa con 272 seggi, numero cruciale per formare il governo. "Il merito va quasi interamente a Sonia Gandhi, alla sua instancabile campagna, con le folle che è riuscita ad attirare con la sua personale popolarità", dice Pran Chopra, commentatore politico. Anche gli elettori hanno espresso sorpresa per l'esito delle votazioni, di fronte alla prospettiva di vedere il vecchio statista Vajpayeee, come ha preannunciato un ministro del suo governo, lasciare il posto a Sonia Gandhi, che è riuscita a ridare vita, con i suoi figli diventati assai popolari, Rahul e Priyanka, nuova generazione della dinastia Nehru-Gandhi, il partito del Congresso, che solo un mese fa nei sondaggi era dato ampiamente per sconfitto e destinato a restare all'opposizione. Gli osservatori non riconoscevano a Sonia, vedova dell'ex primo ministro Rajiv Gandhi, assassinato, nemmeno l'ombra di una possibilità di formare un governo nella più popolosa democrazia del mondo. Ma l'alone del nome Gandhi ha avuto un effetto straordinario, grazie ad una dinastia, la Gandhi-Nehru, che ha governato l'India per 35 dei sui 57 anni d'indipendenza, popolare come i Kennedy in America. Rajiv era figlio dell'ex primo ministro Indira e nipote di Jawaharal Nehru. Sonia, 57 anni, figlia di un costruttore edile di Torino che 30 anni fa era entrata col matrimonio nella prima famiglia indiana, potrebbe anche prendere il posto di premier, dopo aver adottato lo stesso slogan "Jai Hind" (Salve India), lo stesso modo di fare e lo stesso incedere della suocera Indira. Copyright © 2004 Reuters. Tutti i diritti riservati. Copyright © 2004 Yahoo! S.r.l. Tutti i diritti riservati.




permalink | inviato da il 13/5/2004 alle 13:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        giugno