.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

7 maggio 2004

Tortura: vi sono fenomeni che non possono nascere senza un clima culturale (2)

... Verso la fine degli anni Ottanta, il governo israeliano nominò una Commissione presieduta da un giudice (in pensione) della Corte suprema per affrontare il tema delle sofferenze inflitte a un imputato allo scopo di farlo parlare nenti attentati. La Commissione concluse che esistono tre modi per risolvere questo grave dilemma: 1) permettere ai servizi di sicurezza di combattere il terrorismo... rimanendo in una zona di penombra esterna al dominio della legge»; 2) quello ipocrita di «dichiarare di attenersi al principio di legalità, ma chiudere un occhio nei confronti di ciò che accade sotto l?apparenza delle cose»; 3) quello più onesto di «garantire per legge un quadro adeguato per l?attività dei servizi di sicurezza impegnati nel tentativo di impedire gli atti terroristici». La Corte suprema di Israele decise di scartare tutte e tre le soluzioni e dichiarò illegale in tutto e per tutto l'uso delle pressioni fisiche. Sempre e comunque. Di lì a poco saltò in aria un bus provocando la morte di diverse persone. Grande fu l'emozione. I servizi di sicurezza israeliani dichiararono che se fosse stato loro consentito di far ricorso a uno dei metodi di cui sopra, forse quell'attentato avrebbe potuto essere evitato. Ma la Corte suprema in una seduta altamente drammatica ribadì la sua scelta." Bollettino Osservatorio sulla Legalità Gli esperti : tortura legale ? di Giulia Alliani L'attenzione di cittadini, media ed esperti si appunta in questi giorni sulla tortura, sia per la diffusione delle notizie provenienti dall'Iraq, e di cui si e' diffusamente relazionato su questo Bollettino, sia per la decisione del parlamento italiano di non considerare tortura una minaccia o violenza non reiterata... Ancora di tortura parla oggi, in un'intervista a La Stampa, il prof. Dershowitz, l'avvocato progressista più famoso d'America, paladino dei diritti civili, nato a Brooklyn da famiglia ebraica (e non e' certo la prima volta. Vedi: "Terrorismo", di Alan Dershowitz, Carocci, 2003, e Corriere della Sera, 1 febbraio, 2002, «I terroristi? Torturiamoli» intervista di A. Farkas).

  • Tortura: vi sono fenomeni che non possono nascere senza un clima culturale...




    permalink | inviato da il 7/5/2004 alle 10:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
  • sfoglia
    aprile        giugno