.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

28 marzo 2004

Le scarpe di Allah, le trovo seguendo una traccia

lasciata da edoneo, che segnala un articolo di Antonio Negri su GLOBAL Magazine. Niente di poi così nuovo: l'Impero, la globalizzione... alcune frasi ermetiche come eccedenza della produzione intellettuale ed etica del proletariato Più interessante mi pare l'articolo di Le Scarpe di Allah, di Ida Dominijanni, che si chiude così: Quello che so, dunque, è che nella mia cultura i martiri riportano a galla elementi che la secolarizzazione ha domato, ma non ha cancellato. La politica come sacrificio, la morte come rito fondativo, il fine più alto che legittima l’uso di mezzi più bassi, l’eroismo maschile che legittima l’olocausto di sé femminile e tutta questa paccottiglia che credevamo di esserci lasciati alle spalle. Non c’è nessuna lotta di liberazione che possa farmela riabilitare. Sul piano politico, la pratica dei kamikaze produce danni immensi, perché fa saltare il meccanismo di deterrenza fondamentale della convivenza umana che da sempre riposa nel principio per cui l’aggressione a un altro non può spingersi oltre l’istinto di conservazione della propria vita; e non c’è da meravigliarsi che l’amministrazione Bush risponda a questa imprevista asimmetria del nuovo conflitto con il concetto speculare della guerra asimmetrica. Sul piano culturale, io concordo con Baudrillard quando dice che la morte del terrorista suicida è l’arma assoluta contro un sistema, il nostro, che vive della pretesa di azzerare la morte nella merce e nel non-senso. E però. E’vero che collezionare scarpe di Manolo Blanik per compensare incertezza esistenziale e vuoti affettivi, come fanno le impenitenti single newyorkesi di Sex and the City, non è una strategia di vita molto sensata. Ce n’è però una ancora più insensata, che consiste nel sublimare suicidandosi il desiderio di possederle, contando di trovarle coi tacchi più alti nel paradiso di Allah.




permalink | inviato da il 28/3/2004 alle 10:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        aprile