.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

20 marzo 2004

Tutti a Bagdad

Vittorio Foa (noto disobbediente) cita, a L'Infedele, su LA7, Emma Bonino: "tutti in Iraq !" e dice che chiedere che l'ONU intervenga in Iraq significa appunto, secondo lui, "tutti in Iraq" misteri della disobbedienza E’ ORA DI DIRE: TUTTI IN IRAQ di Emma Bonino ... Da radicale, sin dall’inizio mi sono e ci siamo battuti perché l'Onu assumesse un ruolo nella vicenda irachena, e perché si scongiurasse il passaggio alla fase bellica dell'intervento militare anche giocando una carta, quella dell'esilio forzato del dittatore, altrove rivelatasi concreta e ragionevole (penso al caso liberiano). E a maggior ragione, con il nostro progetto di Organizzazione Mondiale della Democrazia, pensiamo a una riforma delle Nazioni Unite che faccia tornare a vivere lo spirito e la lettera della carta fondativa dell’Onu. Ma oggi occorre dire con molta chiarezza che, dopo le divisioni al Consiglio di sicurezza, e dopo la strage dei piu alti funzionari Onu a Bagdad, qualunque richiamo all'Onu rischia di essere un puro alibi retorico, se non è accompagnato da un altrettanto forte richiamo ai Paesi che continuano a stare alla finestra e agli stessi Stati arabi, affinché si decidano ad assumere responsabilità chiare, pesanti, serie. Insomma: al contrario, degli Zapateros la risposta adeguata dovrebbe essere «tutti a Bagdad», tutti determinati ad assumere responsabilità vere contro il terrorismo: solo così avrebbe senso e concretezza invocare l'Onu, e/o la Nato, quali espressioni, appunto, di responsabilità condivisa e non del noto «armiamoci e partite». Infine, abbandonare gli iracheni ( come i Checheni e ieri i bosniaci e tanti altri) nell'ora del bisogno e in un momento cosi decisivo oer il loro futuro, non ha nulla di nobile. Non è un comportamento di cui noi democratici, potremo mai andare fieri. ------- Di Emma Bonino, vedi anche Intervista ad Emma Bonino: Democrazia araba? Urge azione europea (Notizie Radicali - 17 mar 2004)




permalink | inviato da il 20/3/2004 alle 22:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        aprile