.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

25 febbraio 2003

Riformismo, massimalismo, identità

Personalmente, dò ragione a Pintor: i massimalisti oggi sono quelli che non vogliono nè vedere che la stragrande maggioranza delle popolazioni civili in Europa e in America, in Asia e in Australia, è contro la guerra, nè che la guerra vuol dire morte, che qualcuno ha deciso possa essere determinata a freddo, per calcolo o per vendetta.

La mia identità è quella di un cittadino che continua a sentirsi di sinistra, intimamente rivoluzionario e utopista, ma consapevolemente riformista nel senso di una pratica personale politica improntata in modo non violento al rispetto dei Diritti dell'Uomo così come sanciti dall'ONU e dalla Costituzione Italiana.

 Pur non partecipando da anni a manifestazioni di piazza, ho visto con piacere mesi fa Moretti farsi portavoce di qualcosa che avevo lungamente atteso: la comparsa del cittadino di sinistra nel panorama politico italiano: non il semplice 'elettore', non il 'compagno impegnato'... il 'semplice' cittadino, nè massimalista nè moderato, ma pensante.

So che nell'attesa di questa guerra giocano elementi non facili da valutare, tra i quali la sicurezza di tutti noi e in particolare quella degli Israeliani, nei confronti di un terrorismo cinico, ma che appare a questo punto colluso con lo strapotere imperiale statunitense.

Al cittadino, che cosa importa chi dei magnifici tre: Saddam, Bush, Bin Laden giocherà per primo la carta della catastrofe bellica?

Al cittadino, a me, interessa che non ci sia nessuna guerra e che si trovino tutti gli strumenti possibili per fermarla, fermando i tre, ciascuno per la sua parte...




permalink | inviato da il 25/2/2003 alle 20:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
       marzo