.
Annunci online

 
lapsus 
lapsus psicologia e polis
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  EMERGENZE
Blog Trotter Monitor
Jerushalayim
Ajeeb
Iraki News Agency
Ha'aretz
PRAVDA forum
World Press Photo
English Dar Alhayat
Uri Avnery's News Pages
Paix Maintenant
Peace Now
Peace Now Israel
Palestine Chronicle
Shalom.it
Nonviolenti.org
Sigmund Freud e Albert Einstein
COPING WITH TERRORISM
The Phenomenology of Trauma and the Absolutisms of Everyday Life
Federal Emergency Management Agency
alzataconpugno
straripando
babi119
esperimento
barnaba
ricordiamocene
miele98
CounterPunch
olifante
stilgar
mises
controcorrente
marioadinolfi
maquiavel
arsenico
calimero
oiraid
nanamalefika
liberopensiero
celeste
notimenospace
shockandawe
sannita
prospettiva_cdv
titollo
panther
cassandra
leguerrecivili
bartleby
mipassaperlatesta.
più che puoi
napoorsocapo
yadoge
  cerca



 

Diario | Psicologia e Guerra | Altrove | Chi è chi | Politichese | Intrighi | Serendipity | Europa | Sviluppo (in)sostenibile | Biotecnologie |
 
Diario
1visite.

22 febbraio 2003

Guerra, che fare: sentimenti contrastanti

Leggo sul nuovo forum di IndyMedia

Dal Forum di italy.indymedia.org


Inviato: Sab Feb 22, 2003 12:46 pm Oggetto: GHANDI E LA LOCOMOTIVA


Quando chiesero a Ghandi, se si fosse trovato al posto di inglesi e francesi, come avrebbe fermato le truppe di Hitler che invadevano l'Europa, rispose che gli europei avrebbero dovuto stendersi sui binari e non far passare alcun treno carico di armi e soldati.

Interessante dibattito, sullo stesso forum, su Comunismo e/o Anarchia...

Leggo su vari siti manifesti di donne per la neutralità attiva...

E mi dico: ecco, dall'ora del pensare, del cercare di capire, del riflettere e del confrontarsi, all'ora del fare.

E mi chiedo se ci sarei stato a cercare di fermare un treno carico di armi USA, se ci andrei, se ci andrò...

Qualcosa mi induce ancora a fermarmi a riflettere...

perchè le ambiguità sono tante, forse si sa contro chi e contro cosa si va, ma le conseguenze si diramano in troppe direzioni.... e armiamoci e partiamo... mi suona ancora strano, anche se l'armarsi è solo di gambe e volontà 'gandhiane'.

Certo che l'imprevedibilità insita nella guerra, anche questo comprende: i milioni di pacifisti in Italia e nel Mondo, cosa faranno? si frammenteranno tra chi è piu' attivo contro, chi è piu' attivo e pero' neutrale, chi è passivo, chi volterà gabbana e diventerà 'patriottico'?

Chi e come controllerà i sentimenti contrastanti che ne deriveranno anche in chi finora non si è espresso?

Forse mi sono perso dei messaggi su questo blog. Mi piacerebbe sapere come su questa cosa stanno pensando e 'sentendo' molti che vi 'gravitano' !




permalink | inviato da il 22/2/2003 alle 14:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
       marzo